Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1416
MODICA - 04/08/2015
Cronache - Il 36enne è accusato di evasione dai domiciliari e resistenza a pubblico ufficiale

Arrestato Rubino: voleva buttarsi dal balcone di casa

L’uomo, dopo un breve ricovero in ospedale a Modica, è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa Foto Corrierediragusa.it

E’ stato arrestato per evasione dai domiciliari e resistenza a pubblico ufficiale il pregiudicato che aveva tentato di sfuggire ai carabinieri dopo essere stato sorpreso fuori casa. Si tratta del 36enne originario di Pozzallo Corrado Raffaello Rubino (foto). Nell’inseguimento a piedi l’uomo aveva sbattuto contro la ringhiera del balcone al primo piano di casa sua, dove aveva fatto rientro per gettarsi nel vuoto, prima che i militari dell’arma lo afferrassero in extremis. Era quindi finita in modo rocambolesco, ma per fortuna con pochi danni, la fuga del pregiudicato, non nuovo ad episodi del genere. L’episodio, verificatosi nella prima serata di lunedì in centro storico, non era passato inosservato dal momento che ben tre auto dei carabinieri erano sfrecciate a sirene spiegate verso il quartiere Sorda per trasportare l’uomo all’ospedale «Maggiore».

Dopo le prime cure prestate dai medici del pronto soccorso, che avevano riscontrato un leggero ematoma esteso tra il fianco ed il torace, il pregiudicato era stato ricoverato a scopo cautelativo e per essere sottoposto a visita psichiatrica, ovviamente piantonato dai militari dell’arma. Questi ultimi si erano recati al suo domicilio nell’ambito dei controlli di rito alle persone ristrette ai domiciliari. Alla loro vista, però, l’uomo, che si trovava fuori casa, aveva tentato una improbabile fuga. Dopo essere stato dimesso dall’ospedale, l’uomo è stato condotto nel carcere di Ragusa.