Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 456
MODICA - 30/07/2015
Cronache - Un bovino morto in mare è strano, due sono sospetti

VIDEO Mucca morta in mare a Maganuco

Anche in questo caso la carcassa è stata rimossa così come accaduto per la prima Foto Corrierediragusa.it

Una mucca morta annegata in mare è una cosa strana, due in appena 72 ore diventa una circostanza sospetta: qualcuno evidentemente ha scaraventato in mare i due bovini, poi portati a riva dalla corrente. L´ultimo caso si è verificato ieri mattina a Maganuco (video).



Appena poche ore prima un altro bovino, come accennato, era stato "ripescato" a Punta di Mola. Si infittisce ancora di più quindi il mistero delle mucche morte, abbandonate sulle battigie delle spiagge iblee. Come accennato, sembra che una nave che trasporta bestiame abbia gettato in mare alcuni bovini, forse perché malati. Questa ipotesi è al vaglio delle forze dell’ordine che stanno indagando sia sulla mucca morta a Punta di Mola sia sulla seconda carcassa di bovino ritrovata a Maganuco. Si tratta comunque di animali provenienti da allevamenti stranieri. A questa conclusione si è arrivati anche a seguito di altri recenti avvistamenti nella costa sud orientale iblea. Sono stati i bagnini di una nota struttura alberghiera i primi ad accorgersi della carcassa dell’animale a Maganuco, spinto debolmente verso riva dalle onde a poche centinaia di metri dal centro di prima accoglienza del porto di Pozzallo.

Qualche minuto dopo il ritrovamento dell’animale morto sono arrivati la polizia, i carabinieri, i militari della Guardia Costiera e i vigili del fuoco del distaccamento di Modica. Questi ultimi hanno rimosso dalla battigia l’animale senza vita. Particolare che non è passato inosservato: la mucca, stando a quanto riferito, è microchippata e non sarà difficile per gli inquirenti risalire al proprietario dell’animale in tempi assai breve. Un errore che costerà, con molta probabilità, caro a quanti hanno deciso di disfarsi dell’animale in questo modo. Tanti i curiosi che si sono avvicinati per scattare fotografie al povero animale che sicuramente non era nel suo ambiente naturale.

I medici del servizio veterinario dell’Asp hanno constatato la morte e lo stato di decomposizione e non è stato facile imbracare la carcassa destinata al successivo smaltimento in un centro autorizzato, come accaduto anche per la mucca trovata morta a Punta di Mola. Non è escluso a questo punto che il mare possa restituire altre carcasse: sono frequenti, infatti, i trasporti di bestiame via mare soprattutto tra la Francia e i paesi del nord Africa, la Tunisia in particolare.