Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 788
MODICA - 29/07/2015
Cronache - Il cane è stato sottoposto pure ad autopsia

Boxer muore dal veterinario assolto dal giudice di pace

Il padrone 50enne dell’animale non si dà pace Foto Corrierediragusa.it

Porta il cane dal veterinario per un intervento di routine ma il suo amico a quattro zampe non si risveglia più dopo l’anestesia. Gli spiacevoli episodi di chirurgia letale non riguardano, purtroppo, solo gli uomini. Anche gli animali possono infatti rimanere vittima di episodi del genere e, non sempre, è facile stabilire con l’esattezza le responsabilità del caso. Vuole ancora vederci chiaro C.G., un 50enne modicano che ha perso il suo boxer in una banalissima operazione. Aveva portato il cane nello studio del veterinario, a Modica, per l’asportazione di un semplice forasacco, ossia uno di quei frammenti di qualche centimetro che si staccano dalle spighe secche delle graminacee. «Il mio boxer – ha raccontato al Corrierediragusa.it, il proprietario C.G. – aveva aspirato con il naso un forasacco. Continuava a starnutire, aveva fastidi nasali e così ho deciso di portarlo presso uno studio veterinario qui a Modica. L’intervento era assolutamente banale e il veterinario ha preferito procedere, in un primo momento, senza anestesia. Ha effettuato solo una sedazione, una sorta di calmante, ma visto che il cane si agitava ripetutamente, ha dovuto procedere necessariamente con l’anestesia totale».

Solo in seguito all’anestetico, il veterinario ha potuto estrarre il corpo estraneo dal naso, procedendo con l’intervento, ma il cane, di fatto, non si è più risvegliato. «Subito dopo l’intervento – ha aggiunto C.G. – il veterinario ha proceduto a iniettare l’antidoto per eliminare l’effetto dell’anestesia ma non c’è stato nulla da fare. Ha cercato di rianimarlo, lo ha intubato per facilitargli la respirazione ma era già troppo tardi».

L’anestesia si è rivelata quindi fatale per il cane che è stato anche sottoposto all’autopsia. Dall’esame effettuato presso l’istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia, nella sezione di Ragusa, è emersa una neoformazione polipoide non neoplastica che, secondo il consulente tecnico d’ufficio Salvatore Di Maria e come si legge nella sentenza del Giudice di Pace, di fatto aveva ostruito «il passaggio dell’aria, causando improvvisaasfissia del cane». Da quanto appurato invece dal consulente di parte, ossia dal dottor Roberto Rametta, la neoformazione è conseguenza ovvia del forasacco e, quindi, non sarebbe stata la causa della morte.

«Il veterinario a cui ci siamo rivolti per cercare di capire la reale dinamica dell’intervento – ha aggiunto C.G. – ha escluso la rilevanza della neoformazione e ha assicurato che quest’ultima è sopraggiunta solo in seguito alla presenza del corpo estraneo. Inoltre, il dottor Rametta ha rilevato che se il veterinario avesse provveduto a intubare il cane, non avrebbe avuto problemi a risvegliarsi, avrebbe respirato tranquillamente e, adesso, sarebbe ancora vivo».

Secondo il giudice di pace, però, il veterinario in questione «ha praticato tutti gli opportuni interventi nel rispetto della diligenza e prassi medica» e che «le complicanze sopraggiunte sono consequenziali allo stato patologico dell’animale». La domanda presentata è stata quindi rigettata perché giudicata infondata. Non è escluso, comunque, che il proprietario decida di ricorrere in appello.