Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 950
MODICA - 26/06/2015
Cronache - Praticato un foro del diametro di circa due metri

La banda del buco colpisce al "Bar Ponte" a Modica

Evidentemente i ladri avevano effettuato dei sopralluoghi per rendersi conto del posizionamento della macchina cambia soldi, del punto in cui praticare il foro e della via di fuga migliore
Foto CorrierediRagusa.it

Con martello e scalpello hanno fatto un grosso foro del diametro di circa 2 metri nella parente laterale di un bar, proprio dov’era poggiata la gettoniera cambia soldi per le slot machines), e se la sono portata via a mano per le campagne circostanti dopo averla imbracata con delle corde senza neppure entrare nello stabile per evitare di far scattare l’allarme tramite i sensori. La banda del buco ha colpito di nuovo a Modica, stavolta ai danni del titolare del «Bar Ponte» di contrada Gisirella, lungo il viadotto Guerrieri (nella foto il foro praticato nella parete visto dall´interno e dall´esterno). Il commerciante, che è pure il titolare dell’attigua stazione di carburante, ha subito tre furti in meno di 4 mesi, considerato anche quest’ultimo messo a segno nella notte tra mercoledì e giovedì. I delinquenti si sono portati via un bottino di circa mille euro, ma il danno per la vittima è superiore, considerate almeno 800 euro per rifare il muro bucato e altri mille 500 euro per ricomprare la gettoniera fuori uso. «Mi stanno costringendo a chiudere», ha dichiarato con una punta di comprensibile rabbia il comisano E.C., che ha sporto denuncia di furto a carico di ignoti. Il commerciante purtroppo non era assicurato. Nella fuga a piedi tra le campagne (da cui probabilmente erano venuti), i ladri hanno perso qualche moneta ritrovata lungo il sentiero assieme alla macchinetta cambia soldi. Anche in questo caso nessuno ha visto o sentito nulla, nonostante la zona sia abbastanza trafficata pure di notte.

Evidentemente i ladri avevano effettuato dei sopralluoghi per rendersi conto del posizionamento della gettoniera, del punto in cui praticare il foro e della via di fuga migliore scappare indisturbati con il pesante carico.