Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1381
MODICA - 11/06/2015
Cronache - L’uomo è un sedicente tunisino di 28 anni

Clandestino ricoverato al "Maggiore" si lancia dal 2° piano e fa un "volo" di circa 8 metri piombando malamente al suolo per evitare il rimpatrio

Ora è piantonato nell’ospedale modicano dove è stato sottoposto a tac e ad intervento chirurgico Foto Corrierediragusa.it

E’ ricoverato al «Maggiore» (foto) ma non è in pericolo di vita l’immigrato sedicente tunisino di 28 anni che si è lanciato la scorsa notte dal secondo piano della nuova ala dell’ospedale modicano, piombando al suolo da un’altezza di circa 8 metri. Pare che l’uomo, ricoverato per dei disturbi accusati mentre si trovava al centro di prima accoglienza del porto di Pozzallo, dove avrebbe deliberatamente ingerito una graffetta metallica, avesse tentato la fuga approfittando di un attimo di distrazione di medici e poliziotti. Con la scusa di andare in bagno l’uomo ha invece tentato di sgattaiolare fuori dalla finestra, cadendo nel vuoto. Dopo il «volo» l’immigrato ha riportato la frattura del bacino e del setto nasale, oltre a lesioni e contusioni varie agli arti. Ora è piantonato dalla polizia nell’ospedale modicano dove è stato sottoposto a tac e ad intervento chirurgico.

Il clandestino si è reso protagonista del disperato gesto nel tentativo di evirare il rimpatrio, essendo destinatario di un decreto di espulsione dal territorio italiano. Il pronto intervento dell’equipe medica del pronto soccorso diretto dal primario Roberto Ammatuna ha dunque evitato il peggio.