Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1217
MODICA - 07/06/2015
Cronache - Ancora da accertare il giorno e le cause della morte

Celebrati a Modica i funerali di Giorgio Floridia

E’ stata esclusa la morte violenta Foto Corrierediragusa.it

A distanza di otto giorni dalla scomparsa, con le ricerche a pettine fitto che sono proseguite senza sosta fino a pochi minuti prima che un diluvio si abbattesse su Modica, è stato ritrovato cadavere il 67enne pensionato ex carrozziere modicano Giorgio Floridia (nel riquadro della foto del luogo del rinvenimento). Dell’uomo si erano perse le tracce venerdì 28 maggio. I funerali sono stati celebrati martedì scorso nella chiesa del Sacro Cuore. Floridia è stato ritrovato poco dopo mezzogiorno riverso tra rovi e cespugli in una zona impervia alle spalle del convento dei Cappuccini, nella zona compresa tra il quartiere Dente e contrada Gisirella. Resta da accertare il giorno del decesso ma, considerato che il corpo era in stato di decomposizione, potrebbe risalire ad almeno 72 ore prima del rinvenimento. Mistero anche sulle cause della morte e sul perché l’uomo si fosse avventurato in una zona così difficile da raggiungere. Bisogna chiarire se Floridia sia scivolato oppure si sia buttato di proposito nel dirupo: la prima ipotesi appare la più probabile visto che l’uomo pare fosse in stato confusionale, anche a causa dell’ischemia che lo aveva colpito di recente. Tornando alle cause del decesso, l’ispezione cadaverica avrebbe escluso una morte violenta e quindi dolosa. Pare piuttosto che l’uomo sia rimasto vittima di un malore, forse un infarto o un arresto cardiaco.

Le ricerche erano state intensificate dopo il ritrovamento del borsello, di una scarpa e del cellulare scarico dell’uomo il cui segnale era stato agganciato domenica scorsa da un ripetitore di telefonia mobile in zona Monserrato. E difatti anche domenica mattina l’elicottero dei vigili del fuoco aveva sorvolato la collina che sovrasta il centro storico, fino alla macabra scoperta. L’uomo sarebbe stato visto nei giorni scorsi aggirarsi per la zona del polo commerciale e in contrada Treppiedi anche da una cugina, che ignorava però che si fosse allontanato da casa, dove viveva con la figlia al quartiere Dente dopo essere rimasto vedovo e aver convissuto per qualche tempo con una rumena che se n´era poi andata.

Proprio la donna aveva lanciato l’allarme sabato scorso e di conseguenza erano state avviate le ricerche da parte di carabinieri, protezione civile, polizia locale e vigili del fuoco con l’ausilio delle unità cinofile con i cani molecolari. Giorgio Floridia si sarebbe allontanato da casa all´insaputa della figlia.