Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 854
MODICA - 04/06/2015
Cronache - Ancora ladri professionisti e senza scrupoli in azione

La banda del flex assalta 2 distributori di carburante

Si tratta di professionisti dello scasso, dal momento che le torri sono molto simili a delle autentiche casseforti e bisogna pertanto sapere dove e come mettere le mani per appropriarsi del contenuto Foto Corrierediragusa.it

Segano con il flex le due torri bancomat del self service automatico di metallo pesante delle stazioni di servizio «Eni Agip» ubicate ai lati di entrambe le corsie del ponte Guerrieri, in contrada Gisirella, e si portano via circa 2 mila 500 euro in contanti (400 da una stazione di servizio e il resto dall´altra), mentre i danni superano gli 8 mila euro. Ancora ladri fin troppo professionisti e molto bene organizzati in azione a Modica. Anche in questo caso hanno agito di notte, tra le 2 e le 3, con due «squadre» che «lavoravano» in contemporanea nonostante il viadotto sia sempre piuttosto trafficato. Almeno 4 persone (2 per ciascuna stazione di servizio) si sono adoperate con dei flex a batteria per scardinare i totem del self service automatico e prelevare il contante. Si tratta di professionisti dello scasso, dal momento che le torri sono molto simili a delle autentiche casseforti e bisogna pertanto sapere dove e come mettere le mani per appropriarsi del contenuto. E questi ladri sapevano benissimo come muoversi. Hanno agito col volto coperto da passamontagna per evitare di farsi inquadrare in volto dalle telecamere di sorveglianza del sistema a circuito chiuso della stazione di servizio, parcheggiando le auto in posizione defilata, in modo da non lasciar vedere il modello e soprattutto le targhe (anche se magari si poteva trattare di mezzi di provenienza furtiva rubati apposta per lo scopo).

Come accennato, la banda del flex si è portata via circa 2 mila 500 euro in banconote di piccolo taglio dopo aver «lavorato» almeno per un’oretta buona. Per agire indisturbati ed evitare che qualche cliente si fermasse per fare rifornimento, pare che i malviventi abbiano transennato l´area con una catena con appeso il cartello "Fuori servizio". Insomma, ladri sempre più audaci e disposti a tutto a Modica, roba che fino qualche tempo fa costituiva solo una spiacevole eccezione. Ora qualcosa è decisamente cambiato e simili episodi stanno diventando una preoccupante costante. In questo caso a farne le spese la società che gestisce gli impianti e i due gestori, uno di Modica e l’altro di Comiso, che hanno scoperto il furto all’orario di apertura. Gli inquirenti stanno lavorando sulle immagini riprese dalle telecamere, che, a quanto pare, non avrebbero offerto particolari indizi. E’ stata dunque sporta denuncia a carico di ignoti.