Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 527
MODICA - 29/05/2015
Cronache - Indagini della polizia dopo le segnalazioni dei residenti

Un 83enne abusa di una bimba di 7 anni

Coinvolto nelle indagini anche il nucleo familiare della bambina, composto da sole donne, tutte di origini rumene, che sarebbe comunque stato all’oscuro della squallida vicenda Foto Corrierediragusa.it

E’ il secondo caso di pedofilia scoperto nel Ragusano in meno di una settimana, anche se quest’ultima vicenda, se possibile, è ancora più scabrosa e insopportabile. La polizia del commissariato di Modica ha accertato come un 83enne pensionato, originario di Genova ma da anni residente a Modica, abusasse di una bambina di appena 7 anni di origine rumene, al riparo da sguardi indiscreti tra le mura domestiche della sua abitazione di Modica Alta. Proprio in quella zona l’anziano era stato insolitamente visto passeggiare con la bimba, tenuta per mano e portata più volte a casa sua. Scene che hanno insospettito i residenti, consapevoli del fatto che tra orco e vittima non sussistesse nessun vincolo di parentela o di amicizia stretta. L’anziano modicano, G.G. le iniziali, è accusato di aver compiuto atti sessuali ai danni della piccola. Le indagini della polizia, che avevano avuto inizio lo scorso aprile a seguito di alcune segnalazioni sugli atteggiamenti sospetti e per certi casi equivoci dell’83enne, si erano estese anche al nucleo familiare della bambina, composto da sole donne, tutte di origini rumene. Le parenti della bambina sarebbero comunque state all´oscuro di quanto accadeva tra quest´ultima e l´orco, acconsentendo alla insolita frequentazione in cambio di cibo e altri beni di prima necessità.

A conclusione delle indagini, coordinate dal sostituto procuratore Monica Monego, è emerso che l’uomo è recidivo, essendo stato condannato 26 anni fa per lo stesso, turpe reato a Genova, sua città natale. Al pensionato, per via dell’età avanzata, sono stati concessi i domiciliari nella sua stessa abitazione in cui avrebbe abusato della bambina, come confermato dalle telecamere installate dalla polizia nell’ambito delle indagini. Qualche giorno fa un 74enne era stato arrestato a Chiaramonte Gulfi dopo essersi appartato in chiesa con un 13enne per fare sesso.