Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1060
MODICA - 11/05/2015
Cronache - Lo ha deciso il gup accogliendo la richiesta del pm

Truffe immobiliari a Modica: 3 rinvii a giudizio

Nella vicenda furono coinvolte altre persone poi prosciolte Foto Corrierediragusa.it

Il gup di Ragusa Vincenzo Saito, accogliendo la richiesta del pm Alessia La Placa, ha rinviato a giudizio Giovanni Conti, Carmelo Nobile e Maria Campo, tutti residenti a Modica e a suo tempo coinvolti nell’operazione della guardia di finanza su presunte truffe immobiliari. L’inchiesta aveva sgominato un’associazione per delinquere finalizzata ai raggiri nel settore della compravendita di immobili. Secondo l’accusa, gli imputati avrebbero truffato ignari compratori, emettendo assegni scoperti o non incassabili, vendendo immobili esistenti solo sulla carta e firmando di conseguenza atti di compravendita falsi. I reati sarebbero stati commessi in un arco temporale di quasi cinque anni, dal 2006 al 2011. Le indagini delle fiamme gialle avrebbero ricostruito i flussi finanziari che derivavano dalle compravendite fittizie.

Attraverso diverse società, alcune delle quali gestite per mezzo di prestanome, sarebbero stati acquistati immobili con titoli di credito non esigibili, emessi attraverso un meccanismo piuttosto comune nelle truffe sui pagamenti. Gli assegni venivano il più delle volte consegnati facendo leva sulla buona fede dei creditori, ma recavano una firma diversa dai reali titolari dei conti corrente, che spesso si rivelavano essere dei meri prestanome, alcuni dei quali ignari delle truffe.

I tre imputati saranno processati con rito ordinario il prossimo 16 settembre. Nella vicenda furono coinvolte altre persone poi prosciolte. I tempi dilatati lascerebbero presagire l’eventuale prescrizione dei reati.

Nella foto il tribunale di Ragusa