Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 887
MODICA - 29/04/2015
Cronache - Parte civile era una donna 34enne originaria della Colombia

Modica: lesioni colpose, medici del Maggiore assolti

Imputati erano Luca Bonfiglio, difeso dall’avvocato Anna Cilia, Ines Monisteri, difesa dall’avvocato Fabio Borrometi, Franca Spadaro, difesa dall’avvocato Rinaldo Occhipinti, e Giovanni Novara, difeso dall’avvocato Nino Frasca Caccia Foto Corrierediragusa.it

Assolti con formula piena il primario, 2 ginecologi e un anestesista dell´ospedale Maggiore(foto). Lo ha deciso il giudice monocratico del Tribunale di Ragusa, Vincenzo Saito, che ha rigettato la richiesta di condanna per tutti avanzata dal pubblico ministero. Imputati erano Luca Bonfiglio, difeso dall´avvocato Anna Cilia, Ines Monisteri, difesa dall´avvocato Fabio Borrometi, Franca Spadaro, difesa dall´avvocato Rinaldo Occhipinti, e Giovanni Novara, difeso dall´avvocato Nino Frasca Caccia. Erano accusati di lesioni colpose nei confronti di una donna 34enne originaria della Colombia ma residente a Rosolini, che si era costituita parte civile con l´avvocato Pippo Rizza. I quattro medici, infatti, erano stati denunciati dalla donna e dal marito. L’Asp Ragusa è chiamata in causa quale responsabile civile e si era costituita in giudizio. I due coniugi avevano chiesto una provvisionale di 20 mila euro, l´Asp di 15 mila. Secondo la denuncia, la donna, il 10 agosto del 2009, alla ventottesima settimana, all’una di notte, partorì all’Ospedale Maggiore. «il giorno – aveva raccontato al giudice – ho sentito dei disturbi, sentivo dolori dietro. L’ho detto alla mia ginecologa(Spadaro) per due giorni.

Il 12 agosto, poco prima della dimissione, sono stata visitata ma mi hanno detto che si era formato un ematoma al retto. Sono rimasta in ospedale: dopo due giorni mi hanno praticato un piccolo taglietto, con esito negativo». In conclusione la donna si è risvegliata in Rianimazione all’Ospedale Nesima di Catania dopo tre giorni. «Mi hanno detto che avevo subito un intervento chirurgico – Sono rimasta ricoverata altri dieci giorni. Ho avuto tantissimi problemi. Ancora oggi i problemi non sono stati risolti. Il giudice ha deciso per l´assoluzione perchè il fatto non sussiste.