Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1197
MODICA - 27/04/2015
Cronache - Il rogo si è sviluppato nella prima serata di lunedì

Incendio doloso lambisce villette a Marina di Modica

Le fiamme hanno trovato facile presa tra le sterpaglie che si sviluppano verso la litoranea per Pozzallo
Foto CorrierediRagusa.it

Ha lambito pure le cosiddette «villette colorate», alcune delle quali abitate tutto l’anno, il vasto e violento incendio di probabile matrice dolosa che nella prima serata di lunedì si è esteso nella zona del villaggio Puccia, a ridosso del canneto e del laghetto a Marina di Modica (foto). Le fiamme sono state sospinte dal forte vento, impegnando i vigili del fuoco che sono riusciti a sbarrare la strada al fuoco, senza la necessità di far evacuare le villette. Parecchia però la comprensibile apprensione dei residenti, alcuni dei quali hanno lasciato le rispettive abitazioni, riversandosi nelle strade invase dall’acre fumo. La situazione tuttavia è sempre stata sotto il pieno controllo dei vigili del fuoco che hanno lavorato fino a tarda sera, anche per tenere sotto controllo i focolai e scongiurare sul nascere un nuovo incendio. Le fiamme hanno trovato facile presa tra le sterpaglie che si sviluppano verso la litoranea per Pozzallo, coinvolgendo anche parecchie serre, alcune delle quali sono andate completamente distrutte. I danni sono ingenti ma per fortuna nessuno dei residenti è rimasto ferito. Ancora da accertare le cause del violento rogo ma, come accennato, la matrice dolosa appare l’ipotesi più verosimile.

I pompieri hanno operato in forze per avere ragione dell’incendio, il secondo in meno di un anno nella zona. La scorsa estate infatti le fiamme avevano divorato la vicina struttura chiusa da anni «Itaparica», riducendola ad un cumulo di macerie fumanti. Ora invece quest’altro rogo di vaste proporzioni che ha impegnato alacremente i vigili del fuoco con tutti i mezzi a supporto.