Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1034
MODICA - 25/04/2015
Cronache - Il peggio è stato scongiurato dall’arrivo delle forze dell’ordine

Giovinastri ubriachi picchiano un senegalese invalido in centro a Modica

In una nota i grillini stigmatizzano l’episodio dall’amaro sapore di intolleranza razziale Foto Corrierediragusa.it

Rissa in pieno centro nel pomeriggio a Modica. L’episodio, che ha registrato un ferito, si è verificato intorno alle 18 in piazza Matteotti (foto). Protagonisti quattro giovani, tre modicani e un vittoriese, che hanno aggredito un senegalese invalido da una gamba, a quanto pare per motivi di intolleranza razziale. Qualcuno ha lanciato l’allarme e così poco dopo è arrivata una volante del commissariato. In tre sono riusciti a fuggire mentre il quarto aggressore è stato bloccato e identificato. L´immigrato rimasto ferito è stato invece soccorso e condotto in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore. I numerosi testimoni che hanno assistito alla rissa hanno riferito che i quattro giovinastri, forse ubriachi, se la sono presa con il senegalese invalido insultandolo e massacrandolo di botte utilizzando anche spranghe e persino un coltello che sarebbe poi stato gettato in un cassonetto all´arrivo delle forze dell´ordine.

Sulla vicenda è intervenuto il Movimento 5 stelle che, in una nota, specifica che "Ancora una volta la propaganda razzista dei professionisti dell’odio razziale produce effetti nefasti, soprattutto sulle fasce disagiate. Il M5S - prosegue la nota - fa i migliori auguri di guarigione al giovane malcapitato e ringrazia i cittadini modicani per il pronto intervento. Un ringraziamento particolare - concludono i grillini - alle forze dell’ordine e alla polizia municipale, che hanno saputo ristabilire l’ordine in maniera egregia".