Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 847
MODICA - 21/04/2015
Cronache - Al 31enne di Modica sono stati concessi i domiciliari

Arrestato spacciatore di dose letale a modicano 40enne

Nella camera da letto fu rinvenuta la siringa usata poco prima dalla vittima con all’interno ancora circa 1,2 grammi di droga Foto Corrierediragusa.it

Spaccio di sostanza stupefacente e morte come conseguenza di altro delitto: con queste accuse è stato arrestato il 31enne modicano Roberto Bellaera, al quale sono stati concessi i domiciliari. L’uomo è ritenuto essere lo spacciatore che cedette la droga di eroina letale che lo scorso dicembre causò la morte del modicano Orazio Adamo. Quest’ultimo fu trovato privo di vita nella sua camera da letto nella serata dell’antivigilia della festa dell’Immacolata. Il 40enne modicano, incensurato e disoccupato, non riuscì a superare la crisi, nonostante i genitori avessero fatto in tempo a lanciare l´allarme per farlo trasportare in ospedale, già in stato di incoscienza. Il 40enne, mentre si trovava nella propria abitazione del centro storico dove risiedeva con i genitori, ad un certo punto, si recò nella propria camera da letto per prepararsi la dose, che poi si sarebbe rivelata letale. Poco dopo il padre, insospettito dal silenzio, andò a controllare se il figlio si fosse già addormentato, e lo trovò a terra privo di sensi. L´uomo chiamò subito il 118, facendo intervenire un’ambulanza che trasportò il 40enne al pronto soccorso del «Maggiore» dove i medici non poterono fare altro che constatare il decesso per overdose da stupefacenti.

Nella camera da letto fu rinvenuta la siringa usata poco prima dalla vittima con all´interno ancora circa 1,2 grammi di eroina, e un cucchiaino di metallo utilizzato per preparare la dose assieme ad un accendino. Ora, a distanza di oltre 4 mesi dal decesso di Orazio Adamo, si è registrato l’arresto di Roberto Bellaera, 31 anni di Modica, ovvero il presunto pusher che avrebbe ceduto la dose di eroina rivelatasi mortale per il modicano 40enne.