Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 663
MODICA - 28/03/2015
Cronache - Si tratta del tizio che aveva creato parecchi disagi

Marocchino violento a Modica rimpatriato

I modicani tirano un sospiro di sollievo
Foto CorrierediRagusa.it

Modica e gli esercenti in particolare tirano un sospiro di sollievo, quasi una liberazione, se si vuole. E´ stato infatti disposto il rimpatrio in Marocco per il 21enne extracomunitario A.A., quello, insomma, che aveva creato problemi alla forze dell´ordine negli ultimi 15 giorni ma, soprattutto, ad un paio di pub del centro cittadino e, quindi, alla pubblica sicurezza. Dopo l´ultimo episodio avvenuto mercoledì sera in piazza Albanese, intorno alle 22,30, la polizia, da controlli più approfonditi, ha accertato che lo scorso mese di dicembre al giovane era scaduto il permesso di soggiorno. Quale migliore occasione per dare corso a quanto chiesto a viva voce dalla gente che lo considerava un soggetto violento e pericoloso. Gli agenti del commissariato, infatti, hanno accompagnato il marocchino al centro di accoglienza di Caltanissetta da dove sarà imbarcato per il Marocco. Sul 21enne pesavano, in particolare, tre episodi violenti per il quale il magistrato di turno aveva optato solo per la denuncia a piede libero: la distruzione di parecchie telecamere della videosorveglianza al quartiere San Paolo, la violenza, i danni e anche le lesioni al "Pub Shanty Town" di via Pellico e al personale (foto).

E poi ancora la "prodezza" di mercoledì nell´esercizio «L 50» di piazza Albanese, con lesioni provocate anche agli agenti, intervenuti dopo che il marocchino aveva urinato all´interno dell´autovettura del proprietario del locale, dove aveva mangiato senza pagare, e avere minacciato gli avventori con una bottiglia di vetro rotta. In tutte le occasioni, il marocchino aveva anche vilipeso lo Stato Italiano.

L´ULTIMA "PRODEZZA" DEL MAROCCHINO MALEDUCATO
Torna a colpire il marocchino 21enne che un mese fa danneggiò 5 telecamere della videosorveglianza al quartiere San Paolo e che qualche giorno dopo ferì il dipendente di un pub di piazza Matteotti e persino uno dei poliziotti intervenuto per calmarlo, dopo aver distrutto il locale. Stavolta l’immigrato se l’è presa con il titolare di una pizzeria di via Albanese, che lo aveva redarguito perché si era rifiutato di pagare il conto dopo aver mangiato una pizza. Non soddisfatto di aver cenato gratis, il marocchino ha aperto l’auto del commerciante e vi ha urinato dentro. Quando il proprietario se n´è accorto e gli si è avvicinato in preda ad una comprensibile ira, il marocchino per tutta risposta lo ha minacciato con una bottiglia di vetro rotta, brandendola anche contro gli altri curiosi che si erano nel frattempo assiepati. C’è stato quindi il fuggi fuggi generale, mentre qualcuno ha chiamato il 113. Quando è arrivata la volante, il marocchino stava ancora dando i numeri. Ciononostante gli agenti sono riusciti a calmarlo e a condurlo in commissariato.

Qui il 21enne è andato ancora in escandescenze, aggredendo verbalmente e fisicamente i poliziotti, provocando loro lesioni e rendendosi protagonista pure del reato di vilipendio allo Stato Italiano. Ricondotto alla ragione, è stato necessario trasferire l’immigrato al Pronto Soccorso, dove gli è stato diagnosticato l’etilismo acuto. Anche gli agenti sono stati medicati. Il magistrato di turno, sempre tenendo conto che si tratta ancora di un incensurato, ha optato anche stavolta per la sola denuncia a piede libero. E’ emerso però che il permesso di soggiorno dell’immigrato era scaduto lo scorso dicembre, per cui è stato trattenuto in commissariato a disposizione dell’ufficio immigrazione. Dopo gli accertamenti è dunque scattato il rimpatrio.


RIMPATRIO?
28/03/2015 | 17.10.52
mambo

RIMPATTRIO = LICENZA DI FARE QUELLO CHE GLI PARE E DI ROMPERE I C... A TEMPO INDETERMINATO E SENZA ALCUNA PENA!


NOTIZIA INCERTA....
28/03/2015 | 15.01.29
Gianni

E´ stato rimpatriato come dice il titolo o potrebbe dunque scattare il rimpatrio come dice la fine dell´articolo?
Se rimpatriato, speriamo che non sarà riaccolto a braccia aperte con qualche sbarco.......


rimpatrio
28/03/2015 | 11.11.08
Lorenzo

...e pensare che la procedura di rimpatrio DOVEVA essere applicata già al primo episodio visto che successivo a dicembre.


mah...
28/03/2015 | 9.41.44
gianni

io dico che in un paese serio, prima di essere espulso, avrebbe dovuto farsi la galera che gli spetta e poi, dopo avere pagato per le sue "prodezze", rimandato al suo paese a calci nel sedere... e ancora mi chiedo: se il tizio ritorna in italia (cosa molto probabile), cosa ne sarà dei reati che ha commesso e dei relativi processi che non sono stati celebrati?