Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 659
MODICA - 16/03/2015
Cronache - Imputati Martino Li Greci e Igor Bajardi, di 36 e 35 anni

Modicano perde le dita della mano: 2 condanne

Sono stati condannati dal giudice a mille euro di multa ciascuno e al risarcimento per la parte civile da quantificare in separata sede Foto Corrierediragusa.it

Una maxi richiesta di risarcimento danni per 100mila euro era stata avanzata agli imputati dalla persona che perse due dita della mano destra per lo scoppio accidentale di un petardo inesploso durante il gioco di ruolo dal vivo svoltosi nel gennaio 2012 nel proscenio di Cava d’Ispica. La vittima dell’incidente fu il modicano 23enne Edoardo Spadaro, che, nella prima udienza del processo per lesioni personali in concorso tra due palermitani, si era costituito parte civile tramite l’avvocato Salvatore Campanella. Proprio il difensore aveva citato come responsabile civile la compagnia assicurativa per responsabilità verso terzi. L’associazione culturale «Arbores», di cui risultano presidente e vice presidente Martino Li Greci e Igor Bajardi, di 36 e 35 anni, ovvero gli imputati del processo, era assicurata contro incidenti del genere. Ora i due imputati sono stati condannati dal giudice a mille euro di multa ciascuno e al risarcimento per la parte civile da quantificare in separata sede.

Secondo l’accusa i due imputati sono da ritenere responsabili del ferimento del giovane per negligenza, imprudenza, imperizia ed inosservanza delle norme che regolano l’uso e l’impiego di materiale pirotecnico, nell’ambito della manifestazione «Raduno degli eroi». In un primo momento era stato ipotizzato che il giovane potesse addirittura perdere l’arto. Eventualità scongiurata grazie all’ottimo lavoro dei medici dell’ospedale «Maggiore». La prognosi fu di 40 giorni.