Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 309
MODICA - 04/02/2015
Cronache - Esiti positivi dai controlli antidroga

Un chilo di hashish tra mele e arance

Si Tratta di Ahmed ben Jalal, già noto per reati di droga Foto Corrierediragusa.it

Era in possesso di un chilo e 200 grammi di hashish del valore di oltre 15 mila euro un marocchino 34enne arrestato dai carabinieri. Si Tratta di Ahmed ben Jalal, già noto per reati di droga. Lo stupefacente era nascosto in un capiente borsone assieme a della frutta per nasconderlo alla vista ed eludere eventuali controlli dei cani antidroga, ingannandone il fiuto. Ma i militari dell’arma hanno subito intuito che qualcosa non andava, anche per via del nervosismo tradito dal giovane marocchino. Il corriere della droga era stato notato dai carabinieri mentre si trovava a in piazza Falcone Borsellino, punto di arrivo di diverse linee di pullman che collegano le varie province della Sicilia. L’orario e la presenza in quel luogo da parte dello straniero hanno insospettito i militari, impegnati proprio in un servizio di contrasto all’attività di spaccio di stupefacenti.

La successiva perquisizione personale ha confermato i sospetti dei carabinieri, che, sotto profumate arance e mele hanno trovato pure tanti panetti di hashish che hanno «fruttato» (se ci passate il gioco di parole) al marocchino le manette per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio, come specificato dal comandante provinciale Sigismondo Fragassi e dal capitano della compagnia di Modica Edoardo Cetola (da sx nella foto con l´hashish sequestrato) che i quali hanno altresì evidenziato come prosegua senza sosta la lotta allo spaccio di stupefacente, soprattutto ai giovani.

La droga è stata dunque posta sotto sequestro mentre l’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa.