Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 877
MODICA - 17/01/2015
Cronache - In un’area di 600 metri quadrati

Una tonnellata di rifiuti pericolosi a cielo aperto

Le fiamme gialle hanno inviato una segnalazione alla procura di Ragusa per le indagini, e alle autorità comunali competenti per la rimozione dei materiali Foto Corrierediragusa.it

C’era accatastata addirittura una tonnellata di rifiuti pericolosi in quell’area di circa 600 metri quadrati di competenza del comune di Modica. La scoperta è stata fatta dalla guardia di finanza, sempre più attenta a questi reati ambientali che danneggiano non solo l’ecosistema, ma anche potenzialmente la salute pubblica. Non a caso nella discarica abusiva a cielo aperto era presente una quantità ingente di lastre di eternit, molte delle quali rotte e che di conseguenza sprigionano nell’aria quelle polveri sottili contenenti anche amianto che possono risultare anche letali se respirate per lunghi periodi. La discarica a cielo aperto è stata scoperta e sequestrata in contrada Torre Cannata Raddusa, una zona periferica e residenziale di Modica. Nel sito sono stati trovati, tra l’altro, oltre alle già citate lastre di eternit corrose dall’esposizione al sole e alla pioggia, anche rifiuti derivanti da attività industriali e artigianali, anch’essi pericolosi.

Le fiamme gialle hanno dunque inviato una segnalazione alla procura di Ragusa per le indagini, e alle autorità comunali competenti per la rimozione dei materiali nel minor tempo possibile a tutela della salute dei residenti e non solo.