Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 26 Maggio 2018 - Aggiornato alle 16:24
MODICA - 15/01/2015
Cronache - La gente reclama maggiore sicurezza perchè si sente in pericolo persino in casa

Paura tra la gente per le rapine in casa

E a Modica, intanto, al di là delle promesse regolarmente disattese, per la telesorveglianza pubblica non si muove foglia Foto Corrierediragusa.it

Sempre più residenti, non solo anziani, si sentono poco sicuri persino tra le mura domestiche. Da Modica a Ispica, passando per Scicli, dove l’altra sera un residente ha messo in fuga dei ladri sparando un colpo in aria con la pistola regolarmente detenuta. Parecchie le e-mail giunte alla nostra redazione da parte di persone che invocano maggiori controlli e pattugliamenti delle forze dell’ordine per contrastare una microcriminalità sempre più insidiosa che colpisce fin nelle case persino con gli inquilini dentro, che, come negli ultimi episodi, vengono addirittura picchiati e terrorizzati, prima di essere derubati. E i ladri sfottono pure. In uno degli ultimi casi verificatisi lo scorso dicembre nelle campagne di Scicli, alla vittima di turno derubata nella sua stessa abitazione uno dei ladri ha persino augurato «buone feste». Nell’ultimo, emblematico episodio, come accennato, è stato addirittura un residente di contrada Piani a mettere in fuga tre malviventi incappucciati che verso le 22 di mercoledì sera erano scesi da una «Fiat Punto» dirigendosi, con propositi certamente non amichevoli, verso la casa del coraggioso sciclitano. L’uomo ha difatti sparato un colpo di pistola in aria facendo fuggire il terzetto di ladri.

Ma la preoccupazione di essere derubati e addirittura malmenati in casa serpeggia tra la gente, non solo quella che vive nelle case isolate della periferia o delle campagne, ma anche tra coloro che risiedono nei condomini o nei centri storici. Insomma, la gente ha paura e chiede maggiore sicurezza. E a Modica, intanto, al di là delle promesse regolarmente disattese, per la telesorveglianza pubblica non si muove foglia.