Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 970
MODICA - 24/12/2014
Cronache - Da Ispica a Modica la mano dei malviventi sembra essere la stessa

Rapinati 2 anziani in casa a Modica

E intanto un ladro tenta i colpi spacciandosi per operaio Enel Foto Corrierediragusa.it

Da Ispica a Modica sembra opera della stessa mano la sequela di rapine in casa che sta terrorizzando i residenti. Dopo i due casi in meno di 48 ore ad Ispica, dove una coppia di coniugi è addirittura finita in ospedale per le botte prese, stavolta la disavventura è toccata a due anziani, marito e moglie, sorpresi nella loro casa di via Sorda Sampieri dai malintenzionati che, forse per l’età avanzata delle vittime, ci sono andati leggeri. Mentre uno dei malviventi sorvegliava la coppia, minacciandola a quanto pare con un taglierino, altri due facevano man bassa di gioielli e altri oggetti di valore, racimolando un bottino di circa 4 mila euro. In casa non c’era contante. Nel vano tentativo di impedire ai ladri di portarsi via i gioielli, che rivestivano un valore affettivo oltre che meramente economico, l´anziano ha tentato una reazione, venendo afferrato e strattonato e rimediando quindi contusioni al braccio e alla spalla.

I ladri si sono poi dati alla fuga, mentre i due coniugi chiamavano aiuto. La rapina in casa è avvenuta nella serata di lunedì. I malviventi avevano il volto parzialmente coperto dal cappuccio del giubbotto, per cui la descrizione fornita dalle vittime agli investigatori non è stata di grande aiuto.

Sempre a Modica, nel frattempo, viene segnalato un uomo che si presenta nelle abitazioni della gente vestito con tuta da lavoro e presentandosi come un incaricato Enel per effettuare controlli sul contatore elettrico. In realtà lo scopo è un altro: rubare. L’uomo è stato visto arrivare e ripartire a bordo di un «Fiat Fiorino» bianco, in particolare nella zona di via San Giuliano, dove qualche residente non è caduto nella trappola e anzi, per scrupolo, ha poi telefonato all’Enel per chiedere delucidazioni, sentendosi rispondere che nessun dipendente è stato incaricato di fare controlli.