Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1227
MODICA - 24/06/2008
Cronache - Modica - Il decesso del giovane modicano dopo una fatale rissa

Occhipinti: per la Procura è omicidio preterintenzionale

L’indagato è un tossicodipendente. Tra un mese l’udienza
Foto CorrierediRagusa.it

La procura contesta al tossicodipendente G.S., 29 anni, di Modica, l’accusa di omicidio preterintenzionale in relazione alla morte del modicano Andrea Occhipinti (nella foto), 31 anni, verificatasi nel settembre 2007 a Modica Alta. In origine a carico dell’indagato era stato ipotizzato il reato più grave di omicidio volontario, a seguito della rissa notturna che costò la vita ad Occhipinti, caduto dalle scale di piazza San Giovanni, ai piedi dell’omonima chiesa.

Pare fosse stato proprio G.S. a strattonare la vittima, provocandone la fatale caduta. La causa del decesso fu dovuta ad un edema polmonare acuto scaturito da un altro edema cerebrale irreversibile per il gravissimo trauma cranico riportato dopo la rovinosa caduta. Occhipinti, dopo due settimane di coma si spense all’ospedale «Garibaldi» di Catania, dove il giovane venne trasportato in elisoccorso dopo la fatale rissa scoppiata per futili motivi. L’udienza preliminare a carico di G.S. sarà fissata entro un mese.