Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 702
MODICA - 30/11/2014
Cronache - A pochi passi da corso Umberto, il salotto buono della città

Ancora botte e sangue in centro a Modica

Tracce di sangue sono state trovate non solo in via Santa, ma anche lungo via Arancitello fino a via Pellico Foto Corrierediragusa.it

Ancora una notte di botte e sangue nel centro storico. Anche stavolta teatro di una lite furibonda è stata via Santa, arteria parallela a corso Umberto. Una parola di troppo nei confronti di una ragazza modicana da parte di un tunisino ha scatenato l’ira di un amico della giovane che prima ha affrontato verbalmente l’immigrato, poi i due sono passati alle vie di fatto. La vicenda si è verificata intorno alle tre della notte tra sabato e domenica. Sulla strada sangue per qualche centinaio di metri. La lite ha provocato danni ad un’auto in sosta, una Citroen Saxo di proprietà di una residente. I rissosi, infatti, hanno distrutto il lunotto posteriore del mezzo. Secondo quanto riferito da alcuni testimoni, uno dei due giovani avrebbe preso a calci e pugni il veicolo per sfogare la sua rabbia. Qualcuno ha, nel frattempo, chiamato i carabinieri. Quando i militari sono arrivati c´è stato un fuggi-fuggi generale, compresi i due che avevano litigato. Ieri mattina sull´auto e lungo la strada erano presenti rilevanti macchie di sangue. «Stranamente – dice una residente – sabato notte eravamo sorpresi per la tranquillità che c´era in via Santa, circostanza inusuale soprattutto di sabato. Improvvisamente è accaduto il pandemonio, con giovani che si colpivano, altri che gridavano, poi la fuga generale».

Tracce di sangue sono state trovate non solo in via Santa, ma anche lungo via Arancitello fino a via Pellico. La proprietaria della macchina danneggiata ha presentato denuncia contro ignoti.