Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 710
MODICA - 05/11/2014
Cronache - Manette in flagranza per Carmelo Antonio Mirabella e Leonella Cascone, di 42 e 28 anni

VIDEO Spacciano cocaina con la bimba in auto

La coppia aveva appena ceduto tre dosi di droga ad un assuntore modicano 40enne Foto Corrierediragusa.it

Un uomo e donna conviventi a Ragusa nascondevano la cocaina all’interno del piccolo involucro di plastica che contiene le sorprese dell’ovetto di cioccolato «Kinder», magari dopo aver dato la merendina alla bimba di appena due anni che si portavano tranquillamente appresso a bordo di un’auto senza copertura assicurativa quando cedevano lo stupefacente agli assuntori.



L’ennesima trasferta a Modica è stata però l’ultima per i due conviventi, che, colti in flagranza dalla polizia dopo che avevano ceduto ad un modicano 40enne tre dosi di coca nascoste nell’ovetto di plastica dietro compenso in denaro, sono stati arrestati al termine di un breve inseguimento in auto (vedere video sopra). Le manette sono scattate per Carmelo Antonio Mirabella, 42enne catanese sorvegliato speciale con l’obbligo di non allontanarsi da Ragusa, e per la compagna 28enne ragusana Leonella Cascone, già nota per furto e reati di droga e in regime di sorvegliata speciale semplice. A bordo della “Lancia Y” con cui i due avevano tentato far perdere le loro tracce tra le stradine nelle campagne di contrada Sant’Antonio Streppinosa Cava Mola, tra Modica e Ragusa, vi era pure la loro figlioletta di neanche due anni sistemata sul seggiolone nel sedile posteriore. Come accennato, Mirabella e la Cascone sono stati bloccati dalla polizia dopo poche centinaia di metri di corsa in auto, peraltro risultata essere senza assicurazione e quindi sottoposta a fermo amministrativo. In pratica i due eludevano regolarmente il divieto di uscire dal territorio di Ragusa senza autorizzazione del giudice e se ne andavano in giro con la loro bimba a bordo dell’auto di piccola cilindrata priva di assicurazione a spacciare cocaina dopo aver dato preventivamente appuntamento al cliente di turno. Come nel caso del modicano 40enne fermato dalla polizia dopo lo scambio droga denaro e trovato in possesso dell’involucro di plastica contenente tre dosi di cocaina. La coppia invece deteneva 535 euro ritenuti essere dagli investigatori provento dello smercio di droga.

I due arresti per detenzione di stupefacente ai fini dello spaccio si inquadrano nei servizi di controllo del territorio predisposti dal questore di Ragusa Giuseppe Gammino e coordinati dal dirigente del commissariato di Modica Maria Antonietta Malandrino. I movimenti sospetti dell’auto difatti non sono passati inosservati ai poliziotti, che, dopo aver seguito le mosse della coppia e aver organizzato degli appostamenti per bloccarne le vie di fuga, l’hanno colta in flagranza durante l’incontro con l’assuntore modicano.