Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 889
MODICA - 23/08/2014
Cronache - I ladri hanno agito di notte indisturbati nonostante il sistema di telesorveglianza

Colpo di 10mila euro alla scuola S. Elena a Modica

Dai primi accertamenti è stato possibile verificare che i malviventi sono penetrati all’interno dei locali da una finestra laterale Foto Corrierediragusa.it

Sono riusciti ad entrare all´interno della scuola e ad operare per oltre due ore nonostante il sistema di videosorveglianza. A conclusione della loro azione criminosa hanno caricato su un furgoncino undici computer, due videoproiettori, alcune lavagne multimediali e si sono allontanati nel buio della notte. A conti fatti un danno di circa 10mila euro ed una scuola spogliata di tutta la sua attrezzatura multimediale ed informatica. Il colpo è stato messo a segno nel corso della notte al plesso S. Elena (foto) dell´istituto comprensivo S. Marta. Il plesso si trova in una zona rurale ed accoglie classi della scuola elementare e dell´Infanzia. Dai primi accertamenti è stato possibile verificare che i malviventi sono penetrati all´interno dei locali da una finestra laterale ed hanno avuto poi spazio e tempo a sufficienza. Si sono mossi senza indugi quasi conoscessero l´interno del plesso e le telecamere hanno potuto accertare che i ladri indossassero tute e guanti. Un colpo preparato nei minimi particolari anche alla luce del fatto che la scuola era stata dotata di tutta l´attrezzatura appena lo scorso giugno.

Nel corso dell´anno scolastico passato infatti un altro furto, praticamente con le stesse modalità, era stato portato a compimento lasciando la scuola a corto di mezzi. Per la seconda volta, dunque nel corso di pochi mesi, il plesso S. Elena si trova spogliato della sua attrezzatura che dovrà ora essere rimpiazzata con oneri a carico della scuola e delle casse comunali. La polizia sta svolgendo indagini alla ricerca di ogni minimo particolare per risalire ai malviventi. Le immagini delle telecamere della videosorveglianza sono oggetto di attento esame ma resta il fatto che da qui a poche settimane i 200 alunni frequentanti il plesso S. Elena ed i loro insegnanti saranno privi di strumenti ormai indispensabili per la didattica.