Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 993
MODICA - 20/08/2014
Cronache - La situazione è stata tenuta sotto controllo dai carabinieri

Zecche e pidocchi? Protesta migranti

Parecchia la curiosità delle gente nel vedere il folto gruppo di clandestini di colore viaggiare a piedi sotto il sole cocente Foto Corrierediragusa.it

Circa 30 immigrati minorenni tra i 14 e i 17 anni del Gambia e della Nigeria lamentano la presunta presenza di zecche e pidocchi nei locali di una cooperativa di Ispica dove erano ospitati e da cui hanno quindi deciso di andar via, protestando in maniera pacifica dinanzi alla tenenza dei carabinieri e in piazza Mazzini ad Ispica, dove hanno invano tentato di salire su un autobus di linea. In 22 si sono poi messi in viaggio a piedi verso Modica, dove hanno sostato sotto un albero di carrubbo in contrada Beneventano, stremati dal gran caldo, per poi proseguire verso il piazzale del «Bar Fucsia», al Polo commerciale di Modica, dove si trovano tutt’ora sotto lo sguardo vigile dei carabinieri, che hanno tenuto la situazione sotto controllo per evitare problemi di ordine pubblico.

Mentre gli altri 8 immigrati hanno poi accettato di salire su un bus per essere trasferiti al centro d’accoglienza di Augusta, gli altri 22 sono rimasti a Modica fino a quando non hanno ottenuto il rilascio dei documenti per l’ottenimento dello status di rifugiati politici. Parecchia la curiosità delle gente nel vedere il folto gruppo di clandestini di colore viaggiare a piedi sotto il sole cocente per la trafficata ex statale 115 verso il Polo commerciale.