Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 821
MODICA - 18/07/2014
Cronache - Sono stati i familiari a presentare querela

Tre avvisi di garanzia al "Maggiore"

Destinatari degli avvisi di garanzia sono quindi il medico C.R., difeso dall’avvocato Alessandro Borgese, e gli infermieri L.G. e T.M., entrambi assistiti dall’avvocato Mario Caruso Foto Corrierediragusa.it

Tre avvisi di garanzia per altrettanti operatori sanitari dell’ospedale «Maggiore» di Modica. I destinatari dei provvedimenti sono un medico e due infermieri del pronto soccorso, a seguito degli sviluppi di un´indagine riguardante il decesso di un anziano modicano avvenuto nel 2012. L’uomo fu ricoverato per un improvviso malore. Erano passate da poco le 2,30 del mattino quando l´anziano spirò in corsia, pare per un infarto. Sono stati i familiari, a distanza di un anno e mezzo dal fatto, a presentare querela all´autorità giudiziaria lamentando il triage chiuso e tempi lunghi nelle cure da parte dei medici al congiunto. Tutte circostanze, che, secondo le parti offese, avrebbero contribuito a determinare il decesso dell’anziano.

Destinatari degli avvisi di garanzia sono quindi il medico C.R., difeso dall’avvocato Alessandro Borgese, e gli infermieri L.G. e T.M., entrambi assistiti dall’avvocato Mario Caruso. La direzione sanitaria del «Maggiore» aveva accertato che il paziente era stato curato entro i tempi previsti.