Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 605
MODICA - 31/05/2008
Cronache - Modica - Sentenza del Tribunale dopo una lunga camera di consiglio

Condanna a 7 anni e 10 mesi per 3 Scafisti. 2 le assoluzioni

Il viaggio della speranza si registrò nel marzo 2003 Foto Corrierediragusa.it

Tre condanne a complessivi sette anni e 10 mesi di carcere e 97mila euro di multa per i presunti scafisti imputati nel processo per associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, giunto ieri a conclusione. Altri due coimputati sono stati assolti. Le sentenze sono state emesse dal collegio penale presieduto dal giudice Giovanna Scibilia al termine di una lunga camera di consiglio.

Il tribunale ha condannato Jimaz Aslan a cinque anni di reclusione e 60 mila euro di multa; un anno e dieci mesi e 27mila euro per Maktouf Farhat; a John Xuereb, detto Gioni, è stata inflitta la pena di un anno di reclusione e 10 mila euro di multa. Assolti Sadok Bougnimi e Murath Kalas. I magistrati hanno condonato ad Aslan tre anni di reclusione e 10mila euro, a Farath l’intera pena detentiva e 10 mila euro, e a Xuereb l’intera condanna.

Il viaggio della speranza oggetto del procedimento andato a conclusione si registrò nel marzo 2003 ad opera di un’organizzazione internazionale turca con agganci a Malta. Gli extracomunitari, in possesso del passaporto, partivano a bordo di un aereo per raggiungere l’Isola dei Cavalieri da cui, una volta privati dei documenti, sbarcavano sulle coste iblee a bordo di gommoni. Due dei cinque imputati provvedevano a nascondere alla meglio i disperati in un casolare abbandonato di Punta Braccetto, dietro pagamento di 50 euro a testa, in attesa di istruzioni per raggiungere altre mete.

Gli immigrati venivano raccolti in un ristorante di Malta, dove sborsavano più di mille euro ciascuno per essere trasferiti in un vicino hotel, in attesa di partire in aereo alla volta della Sicilia.