Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 16 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:14 - Lettori online 749
MODICA - 16/06/2014
Cronache - Manette della polizia per Benito Di Stefano, inteso «Cianchino»

Ladro sorpreso in casa dal proprietario

Fondamentale l’azione tempestiva della stessa vittima per la cattura del malvivente Foto Corrierediragusa.it

Un ladro ruba in casa con il proprietario dentro che lo scopre e lo costringe alla fuga, inseguendolo in strada per qualche centinaio di metri. Vistosi braccato, il malvivente brandisce un cacciavite contro il coraggioso inseguitore, minacciandolo di morte, fino all’arrivo della polizia, che era stata chiamata dalla stessa vittima prima di rincorrere il ladro. Sono così scattate le manette per il ragusano Benito Di Stefano, inteso «Cianchino» (foto), già noto per reati simili. Alla vista dei poliziotti, il ladro ha gettato per terra il cacciavite, non opponendo alcuna resistenza. A Benito Di Stefano, che deve rispondere di rapina impropria, sono stati concessi i domiciliari nella sua abitazione. Il tentato furto si è verificato sabato pomeriggio in una casa di via Tremilia, al quartiere Cappuccini, dove il proprietario stava riposando sul divano.

L’attenzione dell’uomo era stata attirata dai rumori che provenivano dalla stanza attigua, dove, dopo aver aperto la porta, si era trovato faccia a faccia con il ladro, che, vistosi scoperto, aveva tentato la fuga dalla finestra da cui era entrato dopo averla forzata. Fondamentale l’azione tempestiva della stessa vittima per la cattura del malvivente.