Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 934
MODICA - 03/06/2014
Cronache - Tragedia sfiorata ma per fortuna nessun ferito

Masso si stacca dalla scuola "Milano Palermo" a Modica

Il fatto è stato denunciato dal Comitato per i Diritti del Cittadino Foto Corrierediragusa.it

Sfiorata la tragedia lunedì sera al quartiere d´Oriente, lungo la scalinata della vecchia scuola "Milano-Palermo": una delle "palle" di pietra poste sul tetto della scuola è venuta giù, rovinando prima sul cornicione e successivamente sul suolo sottostante (foto). Fortunatamente, in quel momento, non si trovava a passare nessuno e tutto e non c´è scappato il ferito o addirittura il morto. Il posto, infatti, è spesso luogo di ritrovo per bambini e non solo e ciò lascia immaginare cosa sarebbe successo se i massi fossero caduti in pieno giorno. Tutto questo nonostante le reiterate segnalazioni dei residenti a mettere in sicurezza l´area. A tutto c’è una spiegazione, difatti: il masso è caduto a causa del contatto con i rami di un grande albero adiacente la scuola e che, da tempo, necessita di essere potato. La cosa ancor più grave, è data dal fatto che nei mesi scorsi i residenti hanno segnalato la problematica agli uffici comunali preposti ma, purtroppo, è dovuto accadere il grave fatto perché qualcuno, adesso, intervenisse. Allertati dai residenti, sono arrivati i vigili urbani e i vigili del fuoco.

Il Comitato per i Diritti del Cittadino, preso atto del grave e inquietante fatto, si dice fortemente preoccupato per il trattamento riservato alle segnalazioni dei cittadini e per i conseguenti mancati interventi, a tempo debito, come in questo caso, che mettono a repentaglio l’incolumità pubblica. "Il comitato, pertanto, facendosi portavoce delle istanze della cittadinanza - scrive Marcello Medica - esorta il sindaco a predisporre i necessari controlli, affinché le segnalazioni dei cittadini ricevano le risposte nei tempi consoni e non dopo che succedono fatti gravi come questo. Il comitato, infine, auspica che il grande albero in questione, causa della sfiorata tragedia, venga al più presto potato, anche perché, spezzandosi - conclude Medica - potrebbe causare altri danni alle abitazioni adiacenti".