Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 996
MODICA - 24/05/2014
Cronache - In carcere è finito un tunisino clandestino

"Topi" sui tetti a Modica: uno arrestato dalla Polizia

L’uomo deve rispondere di furto aggravato in concorso con ignoti Foto Corrierediragusa.it

Due ladri entrano in una casa forzando la porta d’ingresso, e, vistisi scoperti, tentano di eclissarsi. Mentre uno si nasconde sotto a un tavolo e viene subito beccato, l’altro sfonda una finestra e riesce a sgattaiolare via su per i tetti. L’agilità del malvivente ha avuto la meglio sui poliziotti, che, comunque, sono riusciti ad ammanettare il complice. Si tratta del tunisino 29enne Anis Zaouali, clandestino senza fissa dimora e già noto per reati vari. Pare che l’altro ladro riuscito a fuggire sia un connazionale, e non è escluso che possa essere nelle prossime ore individuato, anche se è probabile che riesca a cavarsela solo con una denuncia, vista la trascorsa flagranza. I due malviventi avevano preso di mira un’abitazione del centro storico, in uno dei vicoli che si inerpicano nel quartiere antico alle spalle di corso Umberto. La casa era vuota da una settimana circa, da quando i due anziani residenti, marito e moglie, si erano trasferiti in un’altra zona. Evidentemente i malviventi tenevano sott’occhio la casa, aspettando il momento buono per agire. Tuttavia i loro movimenti erano stati notati dagli altri residenti, che hanno subito telefonato al 113.

Gli agenti del commissariato di via Cornelia sono intervenuti quindi in pochi minuti, riuscendo a cogliere in flagrante uno dei due ladri. L’uomo, che deve rispondere di furto aggravato in concorso con ignoti, si trova rinchiuso nel carcere di Ragusa. «Ancora una volta – dice il dirigente del commissariato Maria Antonietta Malandrino – la collaborazione dei cittadini è stata utile alla Polizia nell’attività di prevenzione e repressione dei reati predatori».