Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1151
MODICA - 15/05/2014
Cronache - Il gup si è riservato di decidere

Richieste giudizio abbreviato in processo "Modica bene"

Il troncone principale del processo si concluse con l’assoluzione degli otto imputati Foto Corrierediragusa.it

Dieci richieste di giudizio abbreviato in udienza preliminare per altrettanti imputati del processo stralcio di «Modica bene», che prende il nome dall’omonima inchiesta che portò alla luce un presunto connubio tra politici e imprenditori per il rilascio di concessioni da parte del Comune di Modica. Il gup Andrea Reale si è riservato di decidere, aggiornando il procedimento al prossimo ottobre. Lo scorso agosto la Corte di Cassazione annullò la sentenza assolutoria di primo grado per gli undici imputati, rinviando gli atti al gup. Il troncone principale del processo si concluse invece con l’assoluzione degli otto imputati che scelsero fin da subito di essere giudicati con l’abbreviato.

Il procedimento in corso riguarda invece coloro che optarono per il rito ordinario, ovvero Carlo Fiore, Giancarlo Francione, Gabriele Giannone, Vincenzo Piluso, Giuseppe Sammito, i fratelli Bruno e Massimo Arrabito, Marcello Sarta, Rosario Vasile, Giuseppe Zaccaria e Vincenzo Leone. Quest’ultimo imputato risulta al momento irreperibile, difatti è l’unico degli undici a non avere scelto il rito abbreviato. Le parti offese sono dodici, tra queste il Comune di Modica.