Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 683
MODICA - 13/05/2014
Cronache - Al volante della "Fiat Stilo" che si è schiantata in corso Umberto c’era una ragazza 25enne

Auto contro auto: nessun ferito

Se il terzetto avesse tardato di qualche decina di secondi a scendere dal veicolo, ci sarebbe forse scappato persino il morto
Foto CorrierediRagusa.it

L’hanno scampata bella tre immigrati ieri mattina in corso Umberto I, dove una vettura fuori controllo è piombata come un missile sull’auto lasciata in sosta (foto) e dalla quale erano appena scesi per prendere un caffè al bar. Se il terzetto avesse tardato di qualche decina di secondi a scendere dal veicolo, ci sarebbe forse scappato persino il morto. Invece l’incidente autonomo causato da una modicana 25enne si è per fortuna risolto con un solo ferito lieve, la guidatrice, per l’appunto, che, dopo essersi fatta curare al pronto soccorso del «Maggiore» le ferite riportate, per una prognosi di una paio di settimane, ha preteso lei stessa d’essere subito dimessa, senza ulteriori accertamenti. La «Fiat Stilo» guidata dalla giovane si è schiantata intorno alle 6.30 prima contro l’auto in sosta dei tre immigrati, per poi concludere la corsa contro il muro del palazzo adiacente al negozio «Calabrese argenti», la cui vetrina è stata lievemente scheggiata.

Pare che la giovane si fosse messa al volante in stato di alterazione psicofisica, avendo forse bevuto qualche bicchiere di troppo. Saranno gli accertamenti dei Carabinieri e della Polizia locale a chiarire la circostanza. A carico della giovane potrebbe dunque scattare una denuncia con contestuale ritiro della patente. Per fortuna a quell’ora il corso Umberto I era quasi deserto, a parte i tre immigrati che se la sono cavata con un grosso spavento e l’auto semidistrutta.