Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 596
MODICA - 10/05/2014
Cronache - Apparecchi irregolari scoperti dalla Guardia di finanza

Giochi alle slot-machine? Sei fregato!

Le macchinette illegali sono state sottoposte a sequestro Foto Corrierediragusa.it

Come spennare i polli che ogni giorno bruciano centinaia di euro alle slot, senza che possano vincere un solo centesimo. E’ lo scopo raggiunto, almeno fino ad ora, da alcuni gestori disonesti di locali a Modica e Scicli, scoperti dalla Guardia di finanza nell’ambito dei controlli mirati alla lotta all’illegalità nel settore dei giochi e delle scommesse. I controlli hanno interessato tutti gli esercizi dove sono installati gli apparecchi da divertimento e intrattenimento, le cosiddette slot-machine o macchinette mangiasoldi, al fine di verificare l´iscrizione degli esercizi nell´apposito elenco, il possesso delle autorizzazioni, l´integrità degli apparecchi da gioco, il collegamento alla rete dei Monopoli e l´identità dei giocatori, con particolare riferimento alle sale da gioco vicine ai punti di ritrovo dei giovani. Le violazioni più evidenti sono state riscontrate in un esercizio commerciale di Scicli, con due «Totem» irregolari camuffati da macchinette. Esaminando i congegni interni, le Fiamme gialle hanno scoperto che gli apparecchi si collegavano in maniera illegale, tramite internet, al sito di «Casino-online» e ad altri siti di gioco esteri vietati. Il tutto era nascosto agli occhi degli scommettitori da una schermata che mostrava i cosiddetti «giochi di abilità» all’’apparenza legali. In realtà tale meccanismo permetteva di effettuare giocate fuori dal territorio italiano, dove spesso le vincite sono più alte, grazie all’elusione dell’imposizione fiscale.

Ma per via di un «trucco» al software modificato, gli sommettitori non avrebbero mai vinto nulla, rimettendoci solo di tasca propria. Le macchinette illegali sono state sottoposte a sequestro, mentre il titolare è stato segnalato all’autorità giudiziaria, oltre ad essere sanzionato amministrativamente. Anche in altri 4 esercizi sono stati riscontrati apparecchi le cui caratteristiche non rispondevano alla normativa vigente in materia, seppure in maniera meno grave.