Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1269
MODICA - 15/04/2014
Cronache - Inquietante episodio di presunta pedofilia al quartiere del Santissimo Salvatore

Motociclista tenta di adescare bimbo di 4 anni in centro storico a Modica. Il padre lo mette in fuga

Stando a quanto riferito da altri residenti, pare che l’uomo fosse stato visto aggirarsi in zona qualche giorno fa a bassa velocità, come se stesse «studiando» i luoghi Foto Corrierediragusa.it

Un uomo sui 50 anni in moto tenta di adescare un bimbo di appena 4 anni che stava giocando davanti casa nel quartiere del Santissimo Salvatore (foto), in centro storico. Le grida del piccolo e l’immediato arrivo del padre hanno fatto scappare quello che potrebbe essere un presunto pedofilo. Lo sconvolto genitore del bambino ha fatto in tempo ad annotare solo le prime cifre della targa della moto di grossa cilindrata, segnalando l’inquietante circostanza alla Polizia, che, sulla base dei pochi dati disponibili e della sommaria descrizione del tizio, sta cercando di risalire all’identità. Potrebbe peraltro trattarsi di un soggetto incensurato, e quindi non schedato. Il fatto si è verificato sabato scorso, poco dopo le 14, quando il bimbo era sceso in strada, davanti l’uscio di casa, per giocare a palla dopo pranzo. Il genitore comunque teneva il piccolo sotto controllo dal balcone della cucina che da sul poco frequentato vicolo. Ecco perché il misterioso motociclista non ha avuto il tempo di circuire il bambino, che sarebbe stato allettato con la promessa di regali. Il piccolo per tutta risposta si è messo a gridare, attirando, come accennato, l’attenzione del padre che ha messo in fuga l’uomo.

Stando a quanto riferito da altri residenti, pare che il motociclista fosse stato visto aggirarsi in zona qualche giorno fa a bassa velocità, come se stesse «studiando» i luoghi. La Polizia esorta dunque i cittadini a chiamare il 113 in caso di persone e movimenti sospetti per favorire un rapido intervento.