Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1376
MODICA - 23/05/2008
Cronache - Modica - Aveva rubato in una villetta di contrada Bibbiola

Bella ladra bionda cade
nella rete della Polizia

In manette Emilia Toro, sorvegliata speciale residente a Noto Foto Corrierediragusa.it

Una bella ladra bionda è finita nella rete della polizia a distanza di tre mesi dal furto commesso in una villetta di contrada Bibbiola, nel Modicano. Emilia Toro (nella foto), residente a Noto e con una discreta fedina penale, era sorvegliata speciale. La circostanza non le aveva impedito di recarsi nella provincia iblea a bordo della sua «Renault 5» bianca per rubare all’interno della villetta.

Pare che la ladra avesse pianificato il furto già da qualche tempo, compiendo alcune trasferte per informarsi sulle abitudini dei proprietari e poter agire in loro assenza. Ma Emilia Toro non aveva affatto notato le videocamere a circuito chiuso del sistema di teleallarme, che si era attivato nel preciso istante in cui la ladra era penetrata nella casa dopo aver forzato un infisso. Nessuna sirena, ma solo l’avviso dell’effrazione al cellulare del proprietario, che lanciò subito l’allarme.

Ma quando arrivarono le forze dell’ordine, la donna si era già eclissata, portandosi via un portagioie, come documentato dalle nitide immagini delle videocamere. Proprio grazie a quei fotogrammi gli agenti del commissariato sono risaliti alla netina, nell’ambito di un continuo lavoro di intelligence.

Le prove a carico di Emilia Toro hanno quindi indotto il pm Maria Mocciaro a richiedere la custodia cautelare in carcere, emessa dal gip Michele Palazzolo. Prelevata dai poliziotti a Noto, Emilia Toro è stata rinchiusa nella sezione femminile del carcere di Ragusa, a disposizione dell’autorità giudiziaria.