Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 571
MODICA - 18/03/2014
Cronache - Il ragazzino, A.G., modicano, ha riportato una prognosi di 8 giorni e deve portare il "collare"

Alla scuola "De Amicis" 11enne spinto da 2 alunni cade in aula: trauma cranico

La madre del giovane aggredito ha sporto denuncia alle forze dell’ordine
Foto CorrierediRagusa.it

Due alunni di terza media, entrambi di 14 anni, spintonano un loro compagno 11enne di prima media al termine delle lezioni, dopo averlo accerchiato in aula. Il ragazzino, A.G., di Modica, è caduto malamente per terra, all’indietro, sbattendo la nuca sul pavimento. La botta è stata parzialmente attutita dallo zaino, ma il giovane alunno, che ha addirittura perso conoscenza per qualche minuto, ha comunque riportato un trauma cranico cervicale, con prognosi di otto giorni e l’installazione del cosiddetto «collare», per evitare movimenti bruschi della testa alla base del collo. Il grave episodio di bullismo, sfociato nell’aggressione fisica, si è verificato ieri, poco dopo le 13.30, nel plesso scolastico «De Amicis» di Modica Alta (foto). E’ stata la madre del ragazzino aggredito, che lo stava aspettando all’uscita da scuola, a chiamare l’ambulanza del 118, quando il figlio è comparso in lacrime, accusando forti dolori alla nuca. Le prime cure sono state prestate dall’infermiere a bordo del mezzo di soccorso, che ha poi trasportato il giovane all’ospedale «Maggiore», dove i medici hanno accertato il trauma cranico cervicale. Non è stato possibile procedere con la tac, perché la macchina è guasta da settimane.

Tornando all’aggressione, già sabato scorso la madre dell’11enne si era rivolta al preside Emanuele Tasca, affinché assumesse provvedimenti a carico di uno studente in particolare, che da qualche giorno aveva preso di mira l’11enne. Il dirigente scolastico aveva richiamato verbalmente l’alunno, ma, alla luce dell’accaduto, la «ramanzina» era servita a poco. Sarà proprio il preside adesso a stabilire che genere di provvedimenti assumere. Intanto la madre del ragazzino aggredito ha sporto denuncia alle forze dell´ordine.