Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1571
MODICA - 17/03/2014
Cronache - Ad agire due giovani immigrati che le hanno aperto lo sportello

Docente scippata in auto dentro al garage a Modica

La donna ha quindi sporto denuncia ai carabinieri, fornendo un dettagliato identikit Foto Corrierediragusa.it

Una professoressa in pensione scippata fin dentro al garage da due giovani immigrati che le hanno aperto lo sportello dell’auto, prendendole la borsa con dentro documenti d’identità, patente di guida, 150 euro e le chiavi di casa. E’ accaduto in via Pisacane, in centro storico, nel tardo pomeriggio, quando la donna è uscita di casa per raggiungere l’auto in garage. Una volta dentro, la residente si è accorta dei due giovani dallo specchietto retrovisore, ma, prima che potesse chiudere le portiere, uno dei due ha aperto lo sportello lato passeggero, afferrando la borsa posata sul sedile. La donna, che per sua fortuna non è stata nemmeno sfiorata, se l’è quindi cavata solo con tanta paura, ma anche un po’ di rabbia, dal momento che ha riconosciuto uno dei due immigrati, per averlo aiutato qualche tempo prima per un disbrigo pratiche. Lo stesso giovane ha poi una volta portato la spesa alla donna fin sotto casa. Forse un modo per prendere confidenza con la vittima designata e studiarne i movimenti per colpire al momento opportuno, come avvenuto nel caso in oggetto.

La donna ha quindi sporto denuncia ai carabinieri, fornendo un dettagliato identikit dei due giovani rapinatori, di età compresa tra i 20 e i 30 anni e di bell’aspetto. Non è la prima volta che in zona si verificano episodi di microcriminalità. Appena una settimana fa circa tre auto erano state prese di mira da ladri che ne avevano frantumato i finestrini per rubarvi all’interno, approfittando della penombra della sera.