Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 914
MODICA - 15/03/2014
Cronache - Manette di Squadra mobile e Commissariato per il 52enne Antonio Manno, sospeso dal servizio

Poliziotto arrestato dalla Polizia per droga

L’agente, incensurato, non ha mai dato nessun tipo di problema né quando prestava servizio nelle Marche, né mentre lavorava a Modica Foto Corrierediragusa.it

Avrebbe smerciato marijuana, forse per arrotondare il suo stipendio da poliziotto. Con l’accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio è stato arrestato dalla Squadra mobile di Ragusa e dal Commissariato di Modica il 52enne Antonio Manno, proveniente da Senigallia, provincia di Ancona, nelle Marche, da due mesi in servizio nella provincia iblea, dov’era stato aggregato al commissariato di Modica. Proprio in questa città Manno avrebbe cominciato la presunta attività di spaccio dalla sua abitazione nella zona di San Francesco alla Cava, in centro storico, dove un continuo andirivieni di persone non era passato inosservato ai residenti, che avevano chiamato il 113. Il blitz notturno della Polizia ha confermato i sospetti, dal momento che nell’abitazione sono stati trovati 170 grammi di marijuana, di cui buona parte suddivisi in dosi per lo spaccio al minuto, nonché l’attrezzatura per la pesatura ed il confezionamento dello stupefacente. Quando i poliziotti hanno fatto irruzione, alla porta di Manno stava bussando una ragazza, che si era qualificata come un’amica. Manno avrebbe fin da subito negato l’attività di spaccio, sostenendo che la droga era per uso personale. Il quantitativo non indifferente ha però fatto scattare le manette ai polsi del poliziotto, già sospeso dal servizio.

Antonio Manno, incensurato, non ha mai dato nessun tipo di problema né quando prestava servizio nelle Marche, né mentre lavorava a Modica. Da qui la sorpresa degli stessi poliziotti quando, sulla base delle segnalazioni dei residenti, si sono trovati a stringere le manette ai polsi non di un presunto spacciatore qualsiasi. La polizia ha accertato senza ombra di dubbio che la presunta attività di spaccio sarebbe stata condotta al di fuori degli orari di servizio. Antonio Manno, il cui arresto è stato già convalidato dal magistrato, è stato sottoposto all’obbligo di firma periodica in Commissariato a Modica in attesa del processo per direttissima che sarà celebrato la prossima settimana.

Anche in questo caso la Polizia ha agito con tempestività e fermezza sulla base delle segnalazioni dei cittadini, la cui collaborazione, esortata dalle stesse forze dell’ordine, si rivela spesso preziosa anche sulla base di semplici sospetti o impressioni, come nel caso in oggetto.