Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 738
MODICA - 22/02/2014
Cronache - L’agente di polizia locale è finito in ospedale. Per l’aggressore sono scattate le manette

Vigile urbano preso a colpi di lucchetto!

I vigili urbani si erano recati in casa dell’uomo per ben due volte in poche ore per convincerlo ad andare via dall’appartamento occupato Foto Corrierediragusa.it

Ricevere uno sfratto non fa piacere a nessuno, ma dare addosso a colpi di lucchetto contro l’agente di polizia locale incaricato dello sgombero dell’immobile appare come una reazione decisamente eccessiva. E’ proprio questo però l’episodio di cui si è reso protagonista l’inquilino Giuseppe Di Mauro, 48 anni, originario di Rosolini e affetto da deficit intellettivo, che ha colpito più volte in faccia con un grosso lucchetto il vigile urbano che gli aveva intimato di lasciare l’immobile. Il malcapitato agente è stato quindi trasportato all’ospedale «Maggiore», dove i medici gli hanno riscontrato ferite ed ecchimosi, tutto sommato lievi, guaribili in dieci giorni. Ai polsi dell’iracondo Di Mauro sono invece scattate le manette per lesioni personali, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Tutto era accaduto ieri mattina, quando gli agenti di polizia locale si erano presentati al domicilio del 48enne per notificargli lo sfratto e la successiva collocazione in una struttura specializzata, essendo l’uomo giudicato incapace si sapersi gestire in maniera autonoma, a causa del già citato deficit intellettivo. Ma Di Mauro non l’ha affatto presa bene, afferrando un grosso lucchetto posato sull’uscio di casa con cui ha inveito contro il vigile urbano. Era stato il sindaco a disporre il trasferimento del rosolinese dall’abitazione privata ad una struttura specializzata, per motivi di igiene e sanità e per tutelare l’incolumità pubblica. I vigili urbani si erano recati in casa dell’uomo per ben due volte in poche ore per convincerlo ad andare via con le buone.

Proprio quando sembrava essersi persuaso, mostrando una calma apparente, Di Mauro ha invece cominciato all’improvviso a dare di matto, cogliendo di sorpresa uno dei vigili urbani, colpito al volto con il pesante lucchetto. Inevitabile a questo punto l’arresto dell’uomo, riportato a più miti consigli senza non poca fatica dagli agenti di polizia locale, coadiuvati dai poliziotti nel frattempo intervenuti dopo la chiamata al 113. A Giuseppe Di Mauro sono dunque stati concessi i domiciliari in una struttura d’accoglienza.