Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1153
MODICA - 17/02/2014
Cronache - Sul banco degli imputati il ragusano Giorgio Poidomani

Denaro a strozzo: imprenditore assolto con formula piena

L’imputato si è peraltro sempre proclamato innocente Foto Corrierediragusa.it

Era accusato di aver prestato denaro a strozzo al titolare di un’agenzia di scommesse di Modica applicando un tasso usuraio del 240% sulla somma di 40mila euro. Sul banco degli imputati l’imprenditore ragusano ex titolare di un’agenzia di distribuzione all’ingrosso di riviste e giornali Giorgio Poidomani, noto come Gino. L’uomo, accusato di usura e difeso dall’avvocato Enrico Maria Belgiorno, è stato assolto con formula piena perché il fatto non sussiste dal gup Andrea Reale rispetto alla richiesta di condanna del pm Francesco Puleio pari a due anni di carcere e 6mila euro di multa. La posizione di Giorgio Poidomani, giudicato in udienza preliminare, era stata stralciata rispetto a quella degli altri imputati, per i quali prosegue il dibattimento, a fronte della scelta del rito abbreviato. Il difensore ha dimostrato che, rispetto a quanto sostenuto dalla pubblica accusa, il suo assistito non prestò alla controparte 40mila euro, facendosene poi restituire 10mila in più. La somma tornata indietro era difatti sempre quella pattuita in origine, come dimostrato in aula, facendo di conseguenza venir meno l’ipotesi accusatoria dell’applicazione di tassi d’interesse esosi o addirittura usurai.

L’imputato si è peraltro sempre proclamato innocente. I fatti oggetto del procedimento penale risalgono all’aprile 2009 e si verificarono a Modica, quando il titolare dell’agenzia di scommesse, trovandosi in ristrettezze economiche, chiese il prestito a Poidomani, con il quale era legato da un vincolo di amicizia.