Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1491
MODICA - 12/02/2014
Cronache - Due anni ciascuno per Tiziano Cicciarella e Valentina Sessa, entrambi 23enni

Droga al bar: coppia condannata

A detenere la droga era la ragazza, che la cedette agli acquirenti in cambio di denaro, mentre il compito di Cicciarella fu quello di prendere i contatti Foto Corrierediragusa.it

Condanna a quattro anni di carcere e 40mila euro di multa per la coppia di fidanzati che si sedette ai tavoli di un bar non per consumare facendo quattro chiacchiere, ma per spacciare droga agli assuntori con i quali avevano in precedenza preso appuntamento. La pena di due anni di reclusione e 20mila euro di multa ciascuno è stata inflitta dal giudice ai modicani Tiziano Cicciarella e Valentina Sessa, entrambi 23enni, per i quali scattarono le manette della polizia con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio. La pubblica accusa aveva chiesto la condanna a 4 anni e 6 mesi per Cicciarella, e a 3 anni e 6 mesi per la Sessa. I due giovani pusher, difesi dall’avvocato Giovanni Favaccio, cedettero tre dosi di marijuana ad altrettanti assuntori, poi fermati dagli stessi agenti con addosso la droga. I movimenti della coppia erano difatti monitorati già da qualche tempo dalla polizia, che, nell’ambito di un appostamento nei pressi di un bar di via Resistenza Partigiana, attesero il momento opportuno per intervenire, cogliendo in flagranza i pusher.

A detenere la droga era la ragazza, che la cedette agli acquirenti in cambio di denaro, mentre il compito di Cicciarella fu quello di prendere i contatti e l’appuntamento al bar con gli assuntori e stabilire il prezzo di vendita della sostanza stupefacente. L´avvenuta cessione della droga, come accennato, fu subito verificata dai poliziotti, che fermarono gli assuntori prima di far scattare le manette ai polsi della giovane coppia di pusher.