Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1408
MODICA - 13/01/2014
Cronache - La Polizia è sulla pista giusta e i ladri avrebbero le ore contate

Furto di 50mila euro a una ditta modicana

Portato via anche il gruppo elettrogeno Foto Corrierediragusa.it

Potrebbero avere le ore contate i ladri che nella notte tra venerdì e sabato hanno messo a segno un colpo di oltre 50mila euro ai danni dell’azienda modicana «Belluardo», specializzata nella lavorazione della pietra e del marmo. La Polizia del commissariato di via Cornelia sta effettuando delle perquisizioni domiciliari a largo raggio in collaborazione con i colleghi della Squadra mobile di Ragusa e non è escluso che si possa addivenire all’identità dei ladri in tempi brevi. Dalla sede della ditta ubicata alla fine della vecchia strada Modica – Scicli, in territorio sciclitano, i malviventi si sono portati via centinaia di metri di cavi elettrici esterni ed interni, che contengono il rame, il cosiddetto «oro rosso». Rubati pure il gruppo elettrogeno e decine di fustoni di gasolio, per un bottino complessivo, come accennato, di circa 50mila euro. Quel che è peggio, l’azienda non è potuta essere operativa a causa del danno subito, che ha di fatto interrotto l’erogazione della corrente elettrica, nonché per via del contestuale furto del gruppo elettrogeno, di solito utilizzato in casi di emergenza. E’ comunque probabile che già da domani l’azienda possa tornare a lavorare.

Per quanto riguarda le modalità del furto, stando ai primi rilievi effettuati dai poliziotti pare che i ladri abbiano forzato il cancello e la saracinesca d’ingresso, servendosi delle tronchese e di un piede di porco, come testimoniato dagli evidenti segni di scasso. I ladri hanno poi utilizzato delle cesoie isolanti professionali per tranciare i cavi elettrici aerei che collegano la sede dell’azienda con il contatore elettrico esterno, compiendo poi lo stesso lavoro all’interno dei locali, facendo man bassa pure dei cavi interni attaccati ai macchinari da lavoro, che hanno fruttato loro diverse decine di chili di rame, molto quotato nel mercato nero.

Pare che i malviventi abbiano utilizzato un grosso furgone, se non addirittura un camion, per portarsi via i cavi elettrici, i bidoni di gasolio e il gruppo elettrogeno. Come accennato, pare che la Polizia abbia già fiutato la pista giusta per acciuffare i ladri, a carico dei quali è stata sporta denuncia dal titolare della ditta modicana.