Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 885
MODICA - 30/12/2013
Cronache - I controlli delle fiamme gialle a Modica e Scicli

Finanza sequestra luminarie pericolose

Sotto sequestro circa 300 confezioni Foto Corrierediragusa.it

Quando alberi di Natale e presepi possono costituire, oltre che un piacere per gli occhi, anche un pericolo per l’incolumità, soprattutto dei più piccoli. Il potenziale rischio è dato dalle luminarie, le «lucine» colorate e intermittenti con le quali si decorano gli alberi e i presepi, quando non sono omologate e a norma. Purtroppo di materiale del genere se ne trova parecchio in vendita in alcuni negozi gestiti da commercianti che non si fanno troppo scrupoli. E’ quanto si evince dai controlli effettuati dalla Guardia di finanza nei locali commerciali per la vendita di materiale elettrico di Modica e Scicli, e culminati nella sanzione amministrativa a carico dei due titolari che vendevano materiale sprovvisto del marchio «Ce» e privo degli altri requisiti tecnici previsti dalla normativa contenuta nel «Codice al consumo» a tutela degli acquirenti. Nel complesso le fiamme gialle hanno sequestrato , tra Modica e Scicli, qualcosa come 300 confezioni di luminarie di vario genere, che, sebbene appetibili per il prezzo molto contenuto, avrebbero costituito un potenziale rischio per il consumatore finale.

Proprio il costo irrisorio è spesso il primo campanello d’allarme circa la scarsa affidabilità del prodotto che si sta per acquistare, come specificato dagli stessi finanzieri che invitano i consumatori a verificare nelle confezioni dei prodotti la presenza dei vari marchi che indicano la certificazione della merce ed escludono quindi potenziali rischi. Nel caso delle luminarie sequestrate e che saranno successivamente distrutte, i pericoli maggiori sono dati da possibili corto circuiti causa di incendi che potrebbero avere effetti devastanti se la circostanza si dovesse verificare mentre in casa non c’è nessuno. I controlli della Guardia di finanza proseguiranno anche in questi ultimi giorni di festa non solo per quanto riguarda le luminarie e altro materiale elettrico potenzialmente pericoloso, ma anche in riferimento agli altrettanto pericolosi fuochi d’artificio non a norma.