Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:36 - Lettori online 1289
MODICA - 24/12/2013
Cronache - Sarebbe quella della ripicca da parte di un residente la pista più probabile

Allarme bomba al cinema "Aurora" per un parcheggio?

Ora è caccia al «buontempone» in vena di scherzi di dubbio gusto e che adesso rischia una denuncia per procurato allarme
Foto CorrierediRagusa.it

Sarebbe quella della ripicca da parte di un residente che non ha trovato parcheggio la pista più probabile tenuta in considerazione dalla polizia nell’ambito dell’indagine sul falso allarme bomba di domenica mattina al cine teatro «Aurora» di corso Garibaldi a Modica Alta. Poche decine di minuti prima della telefonata anonima al 113 che annunciava la collocazione di un ordigno artigianale nel cinema, in quel momento gremito da circa 200 persone tra piccoli alunni, docenti e genitori per le recite di Natale, la polizia locale aveva fatto sgomberare la zona da numerose auto in sosta in doppia fila o comunque in punti nevralgici per la fluidità del traffico veicolare. Qualche automobilista spazientito avrebbe quindi chiamato col cellulare il commissariato per fare il macabro scherzo, che potrebbe costare all’autore dell’inopportuna telefonata una denuncia per procurato allarme. Gli investigatori analizzeranno i tabulati telefonici per individuare la chiamata, grazie anche alla cellula agganciata dal ripetitore di telefonia mobile.

Il cinema era stato fatto evacuare in maniera ordinata dagli agenti intervenuti, che, da un certosino controllo dei locali, avevano accertato l’assenza della fantomatica bomba.

IL FALSO ALLARME BOMBA
Allarme bomba ieri mattina al ristrutturato cine teatro «Aurora» proprio mentre le sale erano piene in ogni ordine di posto da scolaresche di piccoli alunni, accompagnate da docenti e parenti, per le recite natalizie. La segnalazione si è per fortuna rivelata infondata, ma l’apprensione, ovviamente, è stata parecchia. L’episodio si è verificato poco prima di mezzogiorno. Il cinema, dopo oltre un anno dalla chiusura, è tornato in attività da poco più di una settimana grazie alla buona volontà di un gruppo di giovanissimi imprenditori. La presunta collocazione di un ordigno di fattura artigianale all’interno dei locali era stata segnalata da una telefonata anonima al 113, mentre, come accennato, erano in corso le recite di Natale dei bambini delle scuole dell’obbligo che assiepavano le sale. Subito un paio di volanti si sono precipitate al cinema a Modica Alta, sfrecciando a sirene spiegate lungo corso Umberto I per raggiungere corso Regina Elena. A scopo meramente precauzionale, come da prassi in caso di allarmi del genere, i poliziotti hanno fatto evacuare il cinema in maniera ordinata, anche grazie all’aiuto dei gestori, che, informati dei presunti fatti, hanno mantenuto un notevole sangue freddo per non ingenerare ulteriori allarmismi, che, nel concreto, si sarebbero rivelati immotivati.

Dal certosino controllo dei locali da parte degli agenti, difatti, non è emersa la presenza di nessun ordigno, mentre i bambini, i docenti e i genitori, quasi 200 persone in tutto, erano stati fatti allontanare in maniera ordinata e in assoluta tranquillità. La polizia ha avviato le indagini per risalire all’autore dell’inopportuna telefonata. Si tratterebbe di qualche «buontempone» in vena di scherzi di dubbio gusto e che adesso rischia una denuncia per procurato allarme. Non è escluso possa trattarsi anche del gesto di qualche sconsiderato teso a colpire la nuova gestione del cine teatro «Aurora», restituito in tutto il suo splendore «vintage» ai modicani dopo oltre un anno dalla chiusura.