Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 1263
MODICA - 13/12/2013
Cronache - I genitori hanno presentato denuncia in procura. Ci sarebbero già i primi indagati

Bimba rischia la vita a Modica: salva a Catania

La bambina, che arrivò a pesare addirittura poco più di 20 chili per questa disavventura, adesso sta bene Foto Corrierediragusa.it

Una bimba modicana di appena 8 anni rischia di morire a causa di un banale intervento chirurgico per appendicite acuta non del tutto riuscito nel reparto di chirurgia dell´ospedale «Maggiore» di Modica (foto). E’ la sintesi della denuncia alla procura sporta dai genitori della piccola paziente a carico di chiunque abbia avuto a che fare con questo ennesimo presunto caso di malasanità, a cominciare dall’equipe medica che ha operato la bambina. Pare che la procura abbia avviato un’inchiesta in cui risulterebbero già iscritti alcuni medici dell’ospedale modicano. Sarebbe già stata acquisita pure la cartella clinica. Il padre e la madre 40enni, agente assicurativo lui, imprenditrice lei, entrambi di Modica e assistiti dall’avvocato di fiducia Giovanni Di Pasquale, hanno vissuto un’autentica via Crucis durata oltre due mesi, fino a quando la bambina è stata dichiarata fuori pericolo grazie al secondo intervento eseguito in chirurgia pediatrica al policlinico «Vittorio Emanuele» di Catania, dove la bambina era stata ricoverata su espresso ordine del pediatra medico di famiglia. Alla bimba, che era stata dimessa dal «Maggiore» nonostante la febbre alta che fece seguito al primo intervento chirurgico, i medici etnei avevano diagnosticato una peritonite potenzialmente mortale, nonché addirittura un inizio di cancrena al torace, dove la ferita non si era rimarginata del tutto a causa del tubo di drenaggio inadeguato (ovvero quello per adulti) utilizzato dai medici durante la precedente operazione chirurgica al «Maggiore».

I fatti si sono verificati tra settembre e ottobre scorsi, quando i genitori portarono la bimba al «Maggiore» di primo mattino dopo i lancinanti dolori accusati dalla piccola al ventre nel corso della notte. Dopo una prima visita al pronto soccorso i medici decisero per l’operazione, che fu eseguita circa otto ore dopo il ricovero, nonostante fosse stata diagnosticata l’appendicite acuta in corso e i ripetuti solleciti dei genitori in corsia. Poi, dopo le dimissioni, il successivo ricovero della bimba a Catania dove emersero i fatti oggetto della denuncia in procura. La piccola, che dimagrì drasticamente arrivando a pesare addirittura poco più di 20 chili a causa di questa disavventura, adesso sta bene.