Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1507
MODICA - 03/12/2013
Cronache - Anziani raggirati negli ultimi giorni nel Modicano per un migliaio di euro

Raggiro dello specchietto: polizia sulle tracce dei truffatori

Almeno uno di loro sarebbe già noto per reati del genere: a carico suo e del complice potrebbe nelle prossime ore scattare la denuncia Foto Corrierediragusa.it

Sarebbero un paio i cosiddetti «truffatori dello specchietto» sulle cui tracce è la polizia dopo le denunce fioccate in questi giorni in commissariato da parte di una mezza dozzina di anziani del comprensorio modicano rimasti vittima del raggiro ormai vecchio come il mondo. Pare che siano state le stesse persone truffate a riconoscere i due truffatori dalle foto segnaletiche. Almeno uno di loro sarebbe già noto per reati del genere: a carico suo e del complice potrebbe nelle prossime ore scattare la denuncia della polizia che ha indagato su queste truffe per circa un migliaio di euro commesse negli ultimi giorni. Semplice ma efficace il collaudato modus operandi della coppia di truffatori: una volta individuato l’anziano al volante da raggirare, gli si accostano con la loro auto simulando un urto allo specchietto, già rotto in precedenza, e pretendendo il risarcimento del danno in contante. Presi alla sprovvista e per non vedersi aumentare la polizza assicurativa, gli anziani vittime del raggiro hanno consegnato ai due malviventi tutti i soldi contenuti nel portafogli, dalle 100 alle 300 euro, recandosi poi in commissariato per denunciare i fatti e mettendo la polizia sulla pista giusta.

Non è la prima volta che gli agenti del commissariato di via Cornelia si trovano ad indagare su reati del genere procedendo alla denuncia, nel recente passato, dei truffatori, la cui lista continua tuttavia ad allungarsi giorno dopo giorno dal momento che purtroppo ci sono ancora vittime che continuano a cadere nel raggiro nonostante la continua attenzione degli organi inquirenti sulla problematica.