Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 886
MODICA - 13/11/2013
Cronache - Ha dell’incredibile uno studio recente rilanciato da Ingv

Placche euroasiatica e africana a Modica

Lo scontro tra le due placche si "fa notare molto nell’area del Plateau ibleo, a Modica nella Sicilia orientale" Foto Corrierediragusa.it

Il bordo orientale dell´area iblea è quello che soffre di più a causa dello scontro tra la placca africana e quella euroasiatica. Uno studio recente rilanciato da Ingv (Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia) e pubblicato da "Meteo Magazine" riferisce che lo scontro tra le due placche si "fa notare molto nell´area del Plateau ibleo, a Modica nella Sicilia orientale". I dati sismologici e geodetici, raccolti negli anni, hanno permesso di individuare una fascia compressiva che ad andamento, est verso ovest, si estende nell’offshore siciliano dall’isola di Ustica fino alle Isole di Salina, Lipari e Vulcano. A questa fascia compressiva si contrappongono ben due fasce estensionali: la prima si estende da Cefalù fino all’Etna ed è ben evidenziata da dati sismologici, geodetici e geologici; la seconda è localizzata ad est della fascia compressionale e si estende dal Golfo di Patti lungo tutta la fascia appenninica.

Per ciascuno di questi esempi, l’origine tettonica è diversa e va valutata caso per caso. Nel caso dell’area Iblea noi riteniamo che la debole estensione osservata sia dovuta ad una flessione della crosta Iblea a seguito della collisione Africa-Eurasia». Lo studio identifica nelle cave, le peculiari formazioni dell´area iblea, il segno distintivo ed apparente dello scontro avvenuto nei secoli e le descrive come "una sorta di canyon, scavato sul tavolato calcareo da un corso d’acqua, molto aiutato dalle già presenti linee di faglia. Sono i segni dello scontro tra la placca europea e quella africana, in quel punto esatto avviene l’impatto tra le due placche e storicamente sono stati registrati i terremoti più forti dell’intera Sicilia.

Basti pensare alle due scosse del 9 e 11 Gennaio del 1693, le quali furono talmente violente da devastare l’intera Sicilia sud-orientale, radendo al suolo molti centri abitati. I danni arrivarono sino a Palermo, alla Calabria meridionale ed a Malta."