Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1111
MODICA - 28/10/2013
Cronache - Il commerciante ha strattonato uno dei malviventi, strappandogli il passamontagna

Rapinatori al "City" cacciati dal titolare

I 2 "baby rapinatori" erano armati di una pistola giocattolo priva del tappo rosso di sicurezza
Foto CorrierediRagusa.it

Sarebbero minorenni (tra i 15 e i 17 anni) e con buona probabilità incensurati i due «baby rapinatori» che la scorsa settimana sono stati letteralmente cacciati dallo stesso commerciante del negozio di elettronica «Techstore Assenza e Gugliotta» della catena «City» di via Fontana (foto). La coppia di giovanissimi malviventi, col volto nascosto da passamontagna e con in pugno una pistola giocattolo di plastica priva del tappo rosso di sicurezza, ha tentato giovedì sera di «assaltare» il negozio all’orario di chiusura, quando non c’erano clienti, senza tenere però nel debito conto la reazione del figlio del titolare che gestisce assieme al padre l’esercizio commerciale. L’uomo, avendo capito di trovarsi di fronte a due rapinatori «novellini» e piuttosto insicuri, sfoderando una notevole dose di sangue freddo ne ha strattonato uno, spintonandolo fino all’uscita e provocandogli pure qualche livido nonostante l’altro brandisse con fare minaccioso l’arma, che, a quanto pare, era del tutto innocua. Ad uno dei due rapinatori il titolare è riuscito a strappare via il passamontagna, riuscendo a vederlo bene in faccia e realizzando che si trattasse di un ragazzino. Capita l’antifona i due si sono dati alla fuga a mani vuote in sella ad uno scooter. Poi la telefonata al 113.

I poliziotti, dopo aver sentito i gestori e acquisito le immagini delle telecamere del sistema di sorveglianza a circuito chiuso, si sarebbero persuasi che i malviventi siano gente del posto alla loro prima azione criminosa, forse incensurati (dalle impronte digitali parziali rinvenute sulla porta d’ingresso non risulterebbero essere schedati) e di giovanissima età non solo per l’aspetto fisico, ma anche per la «voce bianca» che avrebbe tradito pure un accento modicano. I due, ricercati dagli agenti del commissariato, devono rispondere di tentata rapina aggravata in concorso.