Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 876
MODICA - 26/10/2013
Cronache - Manette per Marcello Livia, Giuseppe Ciacera e Simone Vindigni

Ladri di basole a Modica, arrestati in 3

Il terzetto è stato sorpreso dai militari con le basole di pietra viva nascoste nel bagagliaio della «Fiat Panda» bianca a bordo della quale stavano percorrendo la circonvallazione ortisiana
Foto CorrierediRagusa.it

Ladri di basole in manette. Tre modicani, già noti per reati specifici, sono stati arrestati dai Carabinieri per furto aggravato in concorso. Si tratta di Marcello Livia, Giuseppe Ciacera e Simone Vindigni, di 42, 32 e 30 anni (da sx nella foto con la refurtiva). Il terzetto è stato sorpreso dai militari con le basole di pietra viva nascoste nel bagagliaio della «Fiat Panda» bianca a bordo della quale stavano percorrendo la circonvallazione ortisiana. Proprio alla vista dei militari, in servizio di controllo del territorio, i tre modicani avevano pigiato sull’acceleratore, ingenerando i sospetti nei Carabinieri che hanno seguito e bloccato la vettura, trovando le conferme del reato commesso poche ore prima ai danni di un’abitazione rurale di contrada Nacalino. Oltre alle 38 basole di pietra viva rubate dalla veranda dell’abitazione, nel portabagagli dell’auto i militari hanno altresì rinvenuto attrezzi da scasso quali chiavi inglesi, tronchesi, cacciaviti ed un piede di porco.

Non sapendo spiegare l’origine delle basole e il possesso degli arnesi da scasso, i tre modicani hanno alla fine ammesso le loro responsabilità. Il gip ha convalidato gli arresti e a Livia, Ciacera e Vindigni sono stati concessi i domiciliari nelle rispettive abitazioni. I Carabinieri hanno sequestrato gli arnesi da scasso, restituendo la merce rubata al proprietario che non si era ancora nemmeno accorto del furto subìto. I controlli del territorio, finalizzati in particolare al contrasto allo spaccio di droga e ai furti in abitazioni e locali pubblici, proseguiranno anche nei prossimi giorni.