Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 715
MODICA - 17/10/2013
Cronache - Quando l’opposizione "latita" a palazzo San Domenico

Silenzio Pdl a Modica: "flirt" col sindaco?

Corre voce che l’ordine di scuderia nel Pdl modicano per ora sia di stare in silenzio e fare lavorare in assoluta tranquillità il primo cittadino
Foto CorrierediRagusa.it

C´è uno strano silenzio nella politica modicana. Un silenzio per certi versi "inquietante", neppure scosso dalla presenza, o meglio, dall´assenza, di un consiglio comunale riunitosi solo pochissime volte in questi primi tre mesi, da un sindaco e da una maggioranza che mal tollerano ogni forma di critica, da un evidente scollamento tra Modica e la sua frazione principale, Frigintini, strascico della lunga campagna elettorale che ha portato Ignazio Abbate sulla poltrona di primo cittadino di Palazzo San Domenico. Un silenzio dove a risuonare, per dirla con Simon e Garfunkel di "The sound of silence", in maniera ancora più rumorosa è quella "amorevole quiescenza" dell´opposizione. Non tanto dell´opposizione di sinistra, ancora non ripresasi dal trauma delle elezioni perdute e della città rivoltatasi contro l´esperienza Buscema, quanto dell´opposizione che più di ogni altra sembrava doversi attrezzare in maniera agguerrita per spronare e stigmatizzare, qualora ce ne fosse bisogno, il sindaco e l´amministrazione; ci riferiamo al Pdl ed ai suoi consiglieri, ma anche ai consiglieri frutto dell´esperienza civica aggregatasi attorno alla candidatura di Mommo Carpentieri.

Ma mentre rispetto alla posizione dei fedelissimi all´ex vice presidente della provincia pesa il "flirt" in atto (nonostante le smentite pre-elezioni) con il sindaco, resta inspiegabile l´atteggiamento dei consiglieri pidiellini ed ancora meno chiaro l´atteggiamento del partito in città dopo la sonora sconfitta alle ultime amministrative, e come se non bastasse, con una campagna elettorale nazionale che sembra di giorno in giorno incombere sulla sorte del Parlamento e quindi anche su quella personale e politica del giovane leader del partito di Berlusconi a Modica, ovvero Nino Minardo.

Nessuna interrogazione degna di nota in 4 mesi, nessuna manifestazione politica, silenzio in consiglio comunale, nessuna azione di "disturbo" nei confronti del sindaco conducente mentre è alla guida. Per carità, non è che gli altri abbiano fatto meglio, forse con la sola eccezione del solito D´Antona, oramai una sorta di veterano autorevole del civico consesso, e di qualche consigliere Pd in crisi d´astinenza da potere. Ma è il silenzio del Pdl a fare più "rumore". Non fosse altro perchè, in passato, poteva certo accadere che un grande partito perdesse le elezioni in città, ma dal giorno dopo iniziavano le grandi manovre, sia a destra che a sinistra, per organizzare un´opposizione che potesse condurre alla vittoria la volta successiva.

A meno che, a voler citare il compianto Andreotti, non si voglia continuare a pensare male, magari facendo danno, ma correndo il rischio di azzeccarci. Corre voce infatti in città, per ora un semplice "sussurro", che ci sia molta benevolenza da parte dei "deus ex machina" del Pdl modicano nei confronti di questo sindaco. Corre voce che Ignazio Abbate sia stato individuato dai maggiorenti del Pdl come la medicina migliore per costringere l´on ed "ex amico" e deputato regionale Orazio Ragusa a più miti consigli. Corre voce che l´ordine di scuderia nel Pdl modicano per ora sia di stare in silenzio e fare lavorare in assoluta tranquillità il sindaco, magari riaccendendo il fuoco di un amore che sembrava sul punto di scoppiare prima delle elezioni, ma che poi fu subito spento dall´Udc che su Abbate mise il cappello prima degli altri.

I grandi amori però, si sa, sono difficili a morire e nelle prossime settimane, dal bilancio al piano regolatore, dalla gestione del personale alle scelte strategiche sugli assetti politici, avremo modo di capire se quello tra Abbate ed il Pdl a Modica fu solo il flirt di una notte o un grande amore ancora da consumare.

Nella foto palazzo San Domenico, sede del comune di Modica