Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 922
MODICA - 04/10/2013
Cronache - Il 36enne si era sparato in casa un colpo di pistola alla tempia

Donati gli organi del suicida ispicese Michele Monaca

Espiantati fegato, pancreas, rene, cuore e cornee

Sono stati donati fegato, pancreas, rene, cuore e cornee del suicida Michele Monaca, il 36enne elettricista di Ispica che la scorsa settimana si è sparato un colpo alla tempia con la sua pistola regolarmente detenuta. Pare che l’estremo gesto sia stato l’epilogo di una accesa discussione in casa, come a volte capita in tutte le famiglie. L’espianto degli organi è stato effettuato nella notte tra giovedì e venerdì, dopo l’encomiabile decisione assunta dai familiari, alla luce dell’encefalogramma piatto che ha determinato di fatto la morte cerebrale, come accertato dai medici della rianimazione del «Maggiore». Una scelta coraggiosa e altruistica, quella dei familiari, che, partendo giocoforza da un dramma, consentiranno così ad altre 9 persone, tra cui un bambino, di vivere.

Le condizioni dell’uomo, arrivato in ambulanza in coma in ospedale, erano apparse subito disperate. Nonostante gli sforzi dei medici, non è stato possibile migliorare il gravissimo quadro clinico del 36enne, che lascia moglie e due figli.


05/10/2013 | 9.45.13
enzo

Bellissimo gesto, veramente nobile, da parte dei familiari, speriamo che questa iniziativa faccia scuola nelle nostre coscienze.